RicC1one like no one

Grande subbuglio oggi in riviera (adriatica) per Citroen, che per il lancio della C1 “sponsorizza” Riccione per 100.000 euroni, cambiando i cartelli stradali in | RICC1ONE |, e rinominando pure qualche gazebo e bar chic -se qualcosa di chic c’è rimasto a Riccione- in giro per la città. Interviste deprecabili per opposti motivi, ma entrambe trascurabili, a Zecchi e al nientologo Klaus Davi, sul Carlino [offline], tanto per dire la stampa dove pesca, quale serbatoio di esperti di marketing.
[mini]marketing invece aspetta con ansia la presa di posizione ufficiale di Palmiro Cangini, e appoggia già da ora il suo pensiero.

Vuoi ricevere i post via email?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.

Gianluca Diegoli on LinkedinGianluca Diegoli on Twitter
Gianluca Diegoli
Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management nel settore digitale. Lavoro su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane.
Ho fondato la scuola di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli. Insegno digital marketing all'Università IULM di Milano.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri libri.

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management nel settore digitale. Lavoro su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho fondato la scuola di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli. Insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri libri.

7 pensieri su “RicC1one like no one”

  1. Penso che RicC1one sia una genialata. Lo trovo un gran colpo del marketing alla romagnola. Noi siamo fatti così. La nostra riviera è così: il trionfo del buttasù, della borazzeria, del mischione di tutto un po’. Presempio i palati fini cuociono il pesce così com’è. Da noi, prima di grigliare il pesce azzurro, lo imbombiamo nel pan grattato-prezzemolo-aglio. E ci beviamo dietro del sangiovese fresco. Cosa ci vuoi fare? Meglio essere grezzi ma vivi, piuttosto che restare come degli invorniti a piangere sul latte macchiato.

I commenti sono chiusi.