Convergenza, contenuti, contenitori

Si parla sempre di convergenza, pensando al mezzo, al supporto: il PC che diventa anche PVR, il DTT che fa il PC, il cellulare che ti fa vedere la TV, eccetera eccetera, dimenticando che al centro c’è un essere umano, che preferirà naturalmente oggetti ottimizzati per i diversi momenti o i diversi stati psichici della giornata (non mi serve un PC-TV se sto sonnecchiando supinamente sul divano, non mi serve un TV-PC se cerco informazioni personalizzate, la TV sul cellulare ancora mi sfugge quando e perchè).
E si sottovaluta invece che sono i contenuti che convergono rapidamente: verso la digitalizzazione, verso la materia fluida, il bit, e non appena bitizzati si liberano con ogni mezzo dai contenitori, escono dalle scatole fisiche e dai tubi spazio-tempo che li costringono o cercano (ancora per un po’) di contenerli.
Nel vecchio mondo erano i contenitori a influire sulla quantità e sui tempi dei contenuti, penso alla sospetta creatività dell’artista cantante che casualmente riempiva esattamente le tracce che si potevano fisicamente mettere su di un 33 giri (e infatti era appunto il contenitore a dare il nome al contenuto). Ora sono i contenuti che saltellano di qua e di là, passano da un mezzo all’altro.
E’ ormai inutile imbellire i contenitori con sedicenti ‘contenuti extra’ e pretendere che qualcuno poi paghi di più
per cose non desiderate. E’ inutile mettere i testi e le foto nei CD, si trovano comunque da qualche altra parte nel web. E’ inutile perdere troppo tempo con i template grafici dei siti di notizie: queste scorreranno verso i feed, mentre le pagine web come le conosciamo verranno ripulite da extension e browser sempre più potenti nel modificare la visualizzazione delle pagine.
Morto il contenitore, nessuno potrà più imporre l’acquisto di “macroblocchi di contenuti” basati sulla fisicità del supporto o sul mezzo di telecomunicazione, o imposti comunque a tavolino, dall’alto. Si va verso la polverizzazione, verso i singoli pezzi musicali scaricati o comperati ad uno ad uno, verso programmi radio e tv spezzettati, ripuliti da spot non contestuali, fastforwardati, ri-visti su mezzi totalmente diversi rispetto a quelli su cui erano stati progettati; tutto rotola verso l’acquisto grammo per grammo, o eurocent a eurocent, di notizie, di informazioni, di conoscenza, di note, di fotogrammi, e non più -per esempio- di un giornale di carta a un euro con tutti gli articoli che altri hanno pensato potessero interessarmi, vecchi copia incolla di agenzie, o messi lì spesso solo per riempire quelle benedette venti pagine per giustificare il soldino; e le TV tematiche difficilmente riusciranno a continuare vendere il pacchettone, con la tv della vela in panino con la tv del gambero rosso.
La rete che trasporta l’immaterialità aborre le inefficienze: e inefficienza non significa solo comprare qualcosa a prezzo più alto del mercato, significa anche comprare qualcosa che non si vuole.
E prima o poi qualcuno inizierà a chiedersi anche se tutto quel packaging imposto quasi a forza nel largo consumo abbia ancora un senso, forse a partire dal più fluido dei contenuti, e dal più inutile dei contenitori, quello dell’acqua minerale.

Ispirazioni:
Come stanno cambiando i media – Blog Notes, weblog di Giuseppe Granieri
Quinto rapporto sulla comunicazione in Italia
Tag: content, media, comunicazione, feed, packaging

Vuoi ricevere i post via email?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.

Gianluca Diegoli on LinkedinGianluca Diegoli on Twitter
Gianluca Diegoli
Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management nel settore digitale. Lavoro su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane.
Ho fondato la scuola di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli. Insegno digital marketing all'Università IULM di Milano.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri libri.

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management nel settore digitale. Lavoro su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho fondato la scuola di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli. Insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri libri.

6 pensieri su “Convergenza, contenuti, contenitori”

  1. Argomento tra l’altro della mia tesi di laurea, la scalabilita’ dei nuovi media, come passare dall’alta definizione al 3g, modulalabili, pensiamo all’unione di una traccia video e di una audio, insieme sono un videoclip (esempio) disgunte una diviene mp3 che possiamo ascoltare praticamente dovunque.
    Purtroppo per molti e’ finita l’era della “confezione conta piu’ del prodotto”

  2. Sì, ma i “pacchetti” guidano ancora perché sono semplici da comunicare e soprattutto, da capire. Non vorrei che si facesse confusione tra i “contenuti” e la loro scalabilità ed i prodotti, i quali nella loro fisicità o immaterialità sono in ogni caso “aggregatori” oppure “permessi”.
    Forse, purtroppo, noi stessi siamo consumatori più attenti (molto ma molto più attenti) della media del mercato. Che scenari del genere arrivino, mi pare ineluttabile. Che quando arriveranno su larga scala noi staremo ancora in questo mondo per poterne discutere, forse che sì forse che no.

  3. Piccolo sondaggio tra 15 amici, eta’ media 22 anni.
    Chi di voi compra cd originali e perche’?
    13 comprano ancora cd originali, le motivazioni sono state essenzialmente due, c’e’ il booklet e mi piace sfogliarlo, per avere l’impressione di qualcosa che resta. Gli altri due (tra cui il sottoscritto) acquistano via internet.
    La disponibilita’ monetaria si attesta in media su 400 euro mensili, tutti con diploma, tutti universitari.
    Non so se posso servire alla discussione tutti i dati forniti e’ indubbio, a mio parere, che l’acquisto della canzone via web, pur a prezzi vantaggiosi non da la consapevolezza d’avere materialmente comprato e di possedere un cd.

  4. Quanto tempo ci vuole per configurare un palinsesto personalizzato quotidiano? Io – che mi ritengo abbastanza un cliente “evoluto” – dopo quindici minuti a giocare con i tab di live.com mi rompo. Figuriamoci mio padre a confezionarsi la serata televisiva su migliaia di offerte: roba da mal di testa! Click, ecco la fiction di Canale 5: qualche tizio al marketing di mediaset ha già pensato per te.
    Musica: la poca che ascolto, acquisto i CD in Inghilterra a 11 euro. Ho il supporto fisico (godo ancestralmente nel possesso di beni materiali), ne faccio Mp3 per asoltarli anche in ufficio o con le cuffiette.

I commenti sono chiusi.