Zanzara tigre, marketing reblooded

Il business model della zanzara tigre, individuato nel pomeriggio di oggi da un brainstorming creativo:

  1. Threats are opportunities: ci portano dall’Asia in Italia dentro un pneumatico, e anzichè lamentarci, iniziamo ad adattarci
  2. Organizzazione del lavoro: lavoriamo tutto il giorno, non solo dalle 18 alle 24, come le altre zanzare italiane
  3. Competitors: facciamo quello che facevano già le altre zanzare, solo molto meglio.
  4. PR: non serve – anzi è dannoso – ronzare in giro, l’importante è pungere.
  5. Focusing & commitment: stare below the lawn, e una volta individuato il prospect, principalmente l’homo barbecuensis, non mollarlo fino alla conclusione.
  6. Branding: le strisce bianche e nere, un vero marchio, unique. Mica quel grigio triste delle zanzare padane.
  7. SWOT analysis: era ovvio che la citronella e i tristi zampironi, per non parlare degli improbabili aggeggi a ultrasuoni, non sono vere threats.
  8. Share of blood vs share of humans: è molto più efficiente e sicuro colpire ripetutamente lo stesso individuo, anzichè tanti individui diversi
  9. Internazionalizzazione: entro il 2008, grazie al global warming, contiamo di sbarcare in Norvegia, Svezia e Finlandia.

Argomenti simili

idee gratis di marketing | strategia sui social media

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management dei canali digitali.
Il mio lavoro è supportare il management come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, digitalizzazione del marketing e del retail. Ho lavorato per Coop, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Telenor, CRIF e altre aziende ed enti.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in idee di marketing e il tag , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

10 Commenti

  1. Pubblicato il 7 maggio 2007 alle 9:50 AM | Permalink

    Posso dirlo? Sei un Genio!

  2. Pubblicato il 7 maggio 2007 alle 10:21 AM | Permalink

    Fantastico! A quando il business model delle pantegane?

  3. Pubblicato il 7 maggio 2007 alle 10:28 AM | Permalink

    COME NIENTE PR ?!?!?!? Ma nemmeno un evento di introduzione sul mercato ?! Un bel pranzo con i giornalisti, a Zanzibar, a base di sanguinaccio, annaffiato da Sangue di Giuda, dessert di arance sanguinelle, etc etc. con trasferimento in pullman suddivisi per gruppo sanguigno ? E dopo pranzo uno spettacolo di cabaret dalla pungente ironia, intitolato “Ridete,ridete, che fa buon sangue”… Niente ? ma proprio niente ? Ste zanzare non capiscono niente di comunicazione….. (fantastico Gianluca)

  4. Pubblicato il 7 maggio 2007 alle 11:03 AM | Permalink

    temo che il loro target sia moooolto più allargato dell’ homo barbecuensis… sigh!

  5. Pubblicato il 7 maggio 2007 alle 11:15 AM | Permalink

    eheh enrico, la loro comunicazione è decisamente più sul genere… ‘virale’ ;-)

  6. Pubblicato il 7 maggio 2007 alle 4:59 PM | Permalink

    Gianluca non ho parole…

  7. Pubblicato il 8 maggio 2007 alle 12:10 PM | Permalink

    ma sei un genio. comunque, voglio cambiare tesi. Voglio fare il piano di marketing per i gatti di strada. O per i furetti!

  8. Pubblicato il 9 maggio 2007 alle 11:23 AM | Permalink

    Assoutamente geniale. Mi è piaciuto da morire.

  9. Pubblicato il 9 maggio 2007 alle 11:02 PM | Permalink

    Carinissimo !!! che dire, complimenti…

  10. Pubblicato il 14 maggio 2007 alle 11:54 AM | Permalink