Le 7 T del marketing utopico


Se questo fosse un mondo perfetto, il marketing sarebbe così. (Non so, mi vengono tutte con la T)

Argomenti simili

idee gratis di marketing

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in idee di marketing e il tag . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

19 Commenti

  1. Pubblicato il 21 ottobre 2007 alle 5:28 PM | Permalink

    Per me invece il marketing del futuro è composto da 3 soli elementi:
    – PASSIONE per il proprio lavoro;
    – COMPETENZA nel proprio settore;
    – BUONE DOTI COMMERCIALI, perchè alla fin fine è vendendo che si manda avanti la baracca.

  2. Pubblicato il 21 ottobre 2007 alle 6:05 PM | Permalink

    tu pensavi di aver capito tutto, eh, Gianluca? invece arriva cesenatico-blog e ti frega ;-)
    Molto belle le 7T, complimenti :)

  3. Pubblicato il 21 ottobre 2007 alle 6:54 PM | Permalink

    Grazie Cesenatico.

  4. Pubblicato il 21 ottobre 2007 alle 10:37 PM | Permalink

    Ma questo non è un mondo perfetto, quindi poco importa come sarebbe il marketing, ma come è.
    L.T.

  5. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 8:11 AM | Permalink

    stupendo.

  6. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 8:25 AM | Permalink

    Luca, imho se vendi auto o cellulari dovresti seguire più Diegoli che Kotler…

  7. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 9:17 AM | Permalink

    a me non importa ne’ com’era, ne’ com’è, ma solo come sara’ :-)

  8. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 9:24 AM | Permalink

    ripeto: le 7 T di Diegoli.
    corri a depositare il marchio registrato.

  9. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 11:01 AM | Permalink

    Gianluca, ottima analisi e sintesi.
    Mi chiedo solo perchè sempre nel marketing andiamo alla ricerca di 4P, 7P, 4C, 4I e ora 7T, è deviazione professionale o retaggio storico da cui non riusciamo a scappare?
    Va beh lo confesso, anche io e Fabrizio abbiamo recentemente coniato le “3P del mobile marketing”

  10. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 11:11 AM | Permalink

    Ottime le “7 T” !!!
    Ma il marketing utopico lo sarà meno quando cominceremo a dare delle “letterine” che caratterizzino i nuovi consumatori.
    Le aziende poi dovranno adattarsi il più velocemente possibile a questi nuovi scenari.
    Prima lo comprendiamo meglio sarà per tutti.
    Un saluto
    G.

  11. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 11:51 AM | Permalink

    Tutti abbiamo un “Le X del Y” da confessare. Direi che è nel DNA dei markettari… :-)

  12. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 12:08 PM | Permalink

    Grazie a Massimo e Matteo per aver sotterrato il mio contributo… :o(

  13. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 12:15 PM | Permalink

    Se questo fosse un mondo perfetto, Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono (o, per i più buonisti, non avrebbe sparato a nessuno).
    […]Esiste il marketing buono?
    O alla fine per cercare di vendere bisogna necessariamente “rapinare” il proprio cliente?[…]
    TrackBack: clicca su Homepage qui sotto.
    NB: Gianluca, il nome del file dell’immagine s’è perso una T per strada… (6-t-del-marketing-796338.jpg)

  14. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 12:38 PM | Permalink

    >Se questo fosse un mondo perfetto, Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono
    ROTFL :)))

  15. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 12:44 PM | Permalink

    Massimo, due “ROTFL” nell’arco di poche ore… Devo metterti d’ufficio nel mio blog roll…

  16. Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 1:13 PM | Permalink

    dove l’altro ROTFL? (sono iperattivo, oggi ;-)

  17. ilvi
    Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 1:44 PM | Permalink

    Sei veramente un grande.

  18. Nicola
    Pubblicato il 22 ottobre 2007 alle 4:03 PM | Permalink

    Lo stampo, lo appendo e lo adotto come mantra aziendale. Ho già in mente almeno 3 cose da fare prima di potermelo permettere…
    Comunque un passo enorme per me: mi ero fermato alle “3 T” bolognesi.
    P.S. a quando il libro? :-)

  19. Pubblicato il 24 ottobre 2007 alle 10:05 PM | Permalink

    Hai rappresentato, in forma semplificata, le caratteristiche alla base di una professionalità, non necessariamente specializzata nel processo di marketing.
    Potrebbe esser giusto inserire due riferimenti: alla deontologia ed all’etica. Specialmente nel marketing legato ai processi promocomunicazionali.

Un Trackback

  • Di E pensare che presi appena 27 all’esame. il 10 febbraio 2010 alle 1:01 PM

    […] Iabichino mi avvisa che su Brand Care Magazine n.2 a pagina 22 ci siamo: io con le 7 T, lui con le 4 S del marketing virale e poi nientepopodimeno che Kotler, in un riassuntone su […]