Wired

Executive summary – post per chi non ha tempo

Non sono sicuro che esista uno spazio per Wired Italia, nella mia analisi del marketing dell’edicola di qualche giorno fa. Ma forse può essere creato.

Long story – post per chi ha un minuto o due

Ieri ho ceduto alla curiosità e ho accettato l’invito di Wired per la conferenza stampa blogger di presentazione dell’edizione italiana (anche se speravo in una visita alla redazione vera e propria, vabbè; ma forse è ancora 2.0, virtuale); sia Francesca che Massimo che hanno già scritto commenti e report piuttosto dettagliati: comunque i presenti erano tutti d’accordo sul fatto che un’edizione italiana di Wired sia (potenzialmente) un evento importante, specialmente in un momento in cui ogni azienda è solamente impegnata a tirare righe sui numeri della parte destra del bilancio, tutti d’accordo che possa essere un nuovo punto di aggregazione (alternativa sia pure amichevole a Nova, per dirlo chiaramente) per chi vuole leggere di tecnologia applicata e non solo di gadget, che possa diventare un appuntamento che racconta dei segnali di vita che vengono dal sottobosco delle startup e delle iniziative italiche, e che spesso faticano a trovare uno spazio che non sia quello dell’informazione take-away, del post di due righe, della segnalazione al volo su delicious o twitter, specialmente se inserito in una grafica che si differenzi dai sopravvissuti della stampa tecnologica che ancora si trovano in edicola.

Purtroppo a me è toccato il ruolo di chi prima si definisce agnostico rispetto all’aura di Wired, poi incerto sulle possibilità di successo nel 2008 di un nuovo progetto cartaceo, così com’è strettamente costretto al passaggio obbligato in un sottile corridoio delimitato dal lato degli utilizzatori avanzati dalla naturale concorrenza dei filtri online tecnologici e sociali (aggregatori, RSS, shared items, ecc.) e dall’altra insidiato dalla scarsa propensione all’edicola (italica in generale, e di gran parte dei digital natives, in particolare).

Per come la vedo io, le sorti di Wired Italia si reggono su di un equilibrio delicato, a metà strada tra il progetto “elitario” (ma che essendo cartaceo deve comunque avere i numeri sufficienti per una distribuzione normale) e il progetto più allargato (che però sarebbe un’annacquatura dell’originario e anche una intrusione in un territorio già presidiato). Chissà se la necessità di avere articoli lunghi, da lettura slow, supportati da carta e grafica adeguati è sufficiente come valore aggiunto per dare la giusta spinta della catena dalle rotative alla distribuzione. Io me lo auguro.

 

Technorati Tag:

Argomenti simili

idee gratis di marketing | media e informazione online | startup | strategia sui social media

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in idee di marketing, social media marketing e il tag , , , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

7 Commenti

  1. Pubblicato il 13 novembre 2008 alle 12:40 PM | Permalink

    Beh, in fondo un bell’artico lungo su carta è l’ideale quando si aspetta la lavatrice che finisce o si è dal barbiere. Inoltre io non correi il rischio di andare ad aprire 3 link prima di arrivare alla fine dell’articolo per poi perdere il filo del discorso.
    La carta fa ordine e formalizza. I post invece aiutano il brainstorming e la conoscenza approssimativa.

  2. Pubblicato il 13 novembre 2008 alle 12:48 PM | Permalink

    Ottima analisi riassume le mie domande

  3. Pubblicato il 13 novembre 2008 alle 1:17 PM | Permalink

    Bello il post con l’executive summary! Vado a preparare un reader rss che fa i riassunti dei feed automaticamente.

  4. Nicola
    Pubblicato il 13 novembre 2008 alle 3:52 PM | Permalink

    Io ieri ho letto perfino un’intervista alla Pausini che ora finalmente si piace (non dico in quale location mi trovavo. Non ero dal barbiere, comunque), quindi sono fiducioso che letture slow con un contenuto interessante possano trovare il loro spazio.

  5. Pubblicato il 14 novembre 2008 alle 12:03 AM | Permalink

    Ma certo che c’è posto per Wired in Italia, a patto che il progetto grafico sia all’altezza di quello originale.

  6. Pubblicato il 14 novembre 2008 alle 12:58 AM | Permalink

    speriamo solo che non finisca come Rolling Stone Italia

  7. Pubblicato il 16 novembre 2008 alle 3:10 PM | Permalink

    A mio parere questo progetto, o simili, sono invece positivi, speriamo solo che non finiscano presto.