Al festival del giornalismo – Le news sono merci – preappunti di discussione

Mercoledì prossimo partecipo al festival del giornalismo di Perugia a un panel “L’ho letto sul telefonino: il futuro prossimo dell’informazione mobile

Il fenomeno è sempre più evidente: il telefonino o lo smartphone, la sua evoluzione tecnologica più evoluta, stanno diventando gli strumenti più utilizzati per informarsi e aggiornarsi. Intorno allo stesso tavolo produttori di contenuti, operatori telefonici ed editori per raccontare il futuro dell’informazione mobile.

Non sapendo se invitato quale produttore di contenuti, ex-marketer di operatore telefonico o semplicemente come imbucato, ho deciso di farmi alcuni appunti dal titolo “le news sono merci, le conversazioni sono mercati (e forse non è un gran male)”. Le condivido qui per anteprima e discussione – che non si dica che questo blog non offre al lettore contenuti di valore aggiunto, esclusivi, ecc. ecc. (PS: non sono slide da presentare, sono appunti, passibili di modifiche. Se le presentassi, avrei tolto il testo, ma poi avrei dovuto cercare delle immagini, e insomma, fuori c’è il sole, capite)

Ci si vede mercoledì in giro. E se avete qualcosa da aggiungere, criticare o precisare, fatelo ora, su.

Argomenti simili

mobile marketing

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in idee di marketing e il tag . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

5 Commenti

  1. Pubblicato il 18 aprile 2010 alle 11:40 PM | Permalink

    Gianluca sarà un vero piacere seguire il tuo speech mercoledì al Festival! Spero di trovare il modo di scambiare almeno due parole con te!!!

    Complimenti per i tuoi post così originali ma così attuali

    A mercoledì

    Alessio

  2. Pubblicato il 19 aprile 2010 alle 2:21 AM | Permalink

    Io non ti dico nulla delle slides perchè poi molto dipende da come le esponi… E da quanto ricordo sei bravo.
    Piuttosto, se hai bisogno di qualche dritta per posti in cui si mangia bene… Dalle parti di Assisi: Malvarina (agriturismo); Pallotta (Piazza del Comune); il Roseto (country house ai piedi di Assisi). Puoi andare a nome mio così ti raddoppiano il prezzo :)

  3. Pubblicato il 19 aprile 2010 alle 9:08 AM | Permalink

    Direi che il concetto centrale su cui insisterei se fossi in te e che vorrei approfondire se fossi invece un giornalista o meglio un editore (che vuole continuare a fare soldi…) è la slide 13 su come essere “unici”.

    Un concetto che spesso mi sento rispondere dai giornalisti, che ho incontrato in interventi simili, è che loro trattano le “Notizie” mentre i citizen journalism e i blogger esprimono invece solo quello che pensano; e che le informazioni e i fatti hanno molto più valore rispetto alle opinioni.

    Concetto insidioso che sottolinea come la concorrenza allargata si stia manifestando non solo grazie alla tecnologia (carta stampa vs online) ma anche ad una concorrenza proveniente dai newcomers “giornalisti” non professionisti.

    L’arrivo di questa moltitudine di nuovi entranti nell’arena competitiva ha cmq creato una “coda lunga” dell’informazione a discapito della testa del mercato dell’informazione.

    Questo è un altro elemento che illustrerei individuando possibili opportunità che derivano da questo fenomeno.

  4. Tacus
    Pubblicato il 19 aprile 2010 alle 11:12 AM | Permalink

    0.001

    Già e se un giorno pagassi un millesimo di euro per leggere un articolo..
    Lo fareste ?
    L’infrastruttura tecnologica che me lo permette non esiste ancora , ma un network di micro pagamenti per gli organi di informazione e i giornalisti…

  5. Pubblicato il 20 aprile 2010 alle 10:33 AM | Permalink

    purtroppo quest’anno niente festival, però, visto che chiedevi cosa pensavamo delle slide vado off-topic e ti chiedo un favore: no slide scritte, ti prego!!! :) metti solo immagini e argomenta che altrimenti i presenti si fanno un pisolino e guardano le api sul soffitto della sala!

2 Trackback