Il serpente si mangia la coda: il Fatto e l’Enel

Non mi meraviglia, conoscendo da vicino il sistema pubblicitario, che Enel abbia eliminato il Fatto Quotidiano dai suoi investimenti pubblicitari, dopo un articolo critico sulle attività dell’azienda elettrica. Cose che succedono spesso, anche se spesso passano in silenzio, o vengono ricomposte in privato.

Ho postato ieri su Twitter/Friendfeed, e ne è uscito un dibattito sui rapporti tra stampa, libertà e pubblicità. Quello che invece volevo sottolineare davvero è come la mossa di Enel stia lì a significare senza possibilità di smentite che il potere effettivo della pubblicità sul lettore è davvero ai minimi termini. Se così non fosse, Enel non avrebbe eliminato la pubblicità sul Fatto, l’avrebbe aumentata o cambiata per rispondere alle critiche. Invece così è palesemente chiaro (se ce ne fosse stato bisogno) che la pubblicità viene offerta solo per sperare di accattivarsi il giornale, in modo da ottenere reputazione pura, un tipo di operazione di riciclaggio comunicazionale. Peccato che sia una strategia davvero a breve: l’azienda “compra” la stampa per avere reputazione, la stampa “svende” la fiducia dei lettori nella sua imparzialità al prezzo della pubblicità. Un po’ come un serpente che si mangia la sua coda. Al Fatto hanno scelto di non farlo.

EDIT (25/10/2010): l’ufficio Relazioni Esterne di Enel dichiara che il proprio Ufficio Stampa non ha il potere di cancellare campagne pubblicitarie, e che la campagna verrà confermata. La comunicazione non verbale sta a significare, a mio avviso, che

1) la mail (“solo” intimidatoria, a questo punto) dell’Ufficio Stampa Enel esiste davvero (se ci fossero stati dubbi)
2) la contro-campagna di passaparola scatenata dal post del Fatto e ripresa su altri blog, su Facebook e su Twitter (800 risultati su Google negli ultimi tre giorni) ha davvero spostato qualcosa e costretto Enel a intervenire (se ci fossero stati dubbi). Anche se siete di quelli che pensano che il Fatto abbia innescato questa campagna apposta per fare rumoroso buzz, bisogna ammettere che ci sono riusciti.

Argomenti simili

come fare pubblicità | Google odio e amore

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in idee di comunicazione, idee di marketing, social media marketing, strategia digitale e il tag , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

2 Commenti

  1. Pier Luca Santoro
    Pubblicato il 24 ottobre 2010 alle 8:26 AM | Permalink

    Bravò!
    Bellissimo post, davvero ficcante.
    Nell’era dell’economia dei link ne hai guadagnato – almeno – uno: il mio :-)
    Un abbraccio
    Pier Luca

  2. Pubblicato il 18 novembre 2010 alle 3:16 PM | Permalink

    Che il parallelismo pubblicità=articoli in Italia sia la norma per i quotidiani è ormai una cosa abbastanza evidente. E quanto più le testate sono specialistiche/settoriali tanto più la cosa si acuisce.
    E’ esattamente il tipo di autoreferenzialità che la rete sta scardinando e che forse ha dato il via al successo dei blog che parlano di temi “professionali”. La gente cerca le vere notizie e i veri approfondimenti altrove.
    Parafrasando quello che hai scritto pochi giorni prima: Enel ragiona ancora per funzioni…
    Per il resto che dire… bravi quelli del Fatto.

2 Trackback

  • Di Silenzio Assordante « Il Giornalaio il 24 ottobre 2010 alle 8:19 AM

    […] una nazione dove l’informazione è troppo spesso merce di scambio, che il silenzio dell’editoria nostrana potesse essere il prezzo del favore […]

  • Di My web 2.0 » Blog Archive » Etica editoriale il 24 ottobre 2010 alle 11:32 AM

    […] primo è quello di Gianluca, che racconta della scelta di ENEL di ritirare la propria pubblicità dalla testata “Il fatto […]