web analytics

Ho scritto un altro libro (Ok, via, un capitolo di Social Media Marketing)

SOCIAL MEDIA MARKETING

Da oggi puoi trovare nelle migliori librerie (e forse pure negli Autogrill, tra un libro sulla PNL e la storia di Google) Social media marketing. Manuale di comunicazione aziendale 2.0 (lo trovi qui su Amazon, sconto 15%), che raccoglie venti contributi di gente che ne sa (Miriam Bertoli, Andrea Genovese, Nazzareno Gorni, Paolo Iabichino, Mirko Lalli, Mauro Lupi, Michele Marzan, Marco Massara, Sacha Monotti, Luca Schibuola, Alessio Semoli, Andrea Serravezza — non metto i link, ovviamente basta cercarli su Google) e anche del sottoscritto, che si è occupato del capitolo sulla reputazione all’epoca del web, che comprende anche la teoria della non mai abbastanza lodata pratica aziendale dell’ascolto, e teoria e pratica della diffusione delle crisi comunicazionali, con la ripresa di alcuni casi italiani e no. Questa è la mia scaletta:

  • Verso la digital brand reputation
  • Immagine e sostanza: la brand reputation nell’era della Rete.
  • Le dinamiche della reputazione in Rete
  • I fattori da considerare nel gestire la reputazione in rete
  • L’approccio corretto al confronto tra aziende e le persone in Rete
  • Ascolto, obiettivi, strumenti, organizzazione, valutazione
  • Strumenti e sentiment: un dibattito aperto
  • La gestione: outsourcing o team interno?
  • Relazioni tra reputation e (Social) CRM
  • La misurazione dell’influenza
  • Conversazione, dissenso e social media crisis
  • Il dissenso e la sua gestione
  • Tipologie di ambienti e loro criticità
  • La social media crisis: rilevazione, tipologie e prevenzione
  • Come gestire la crisi
  • Alcune case history italiane
  • Primo caso – la guida programmi di Sky
  • Secondo caso: Carrefour e il bambino
  • Terzo caso: il mobilificio che minaccia di denunciare il cliente
  • Quarto caso: il marchio di abbigliamento e il blog censurato

Un libro che, nascendo dall’esperienza del Master IULM, consiglio sicuramente ai neolaureati che vogliono avere indicazioni su questo mondo bizzarro, e perché no, anche a manager del settore della comunicazione offline per un aggiornamento pratico da leggere prima di addormentarsi. E sicuramente un librone da usare anche come fermaporte se proprio non dovesse piacervi — sono ben 338 pagine, lo trovate anche su Amazon.it qui.

Ah, e fatemi sapere cosa ne pensate.

Questo articolo è stato pubblicato in comunicazione, social media. Bookmark the link permanente. I commenti ed i trackbacks sono attualmente chiusi.
  • Sei iscritto alla blogletter? I post della settimana, sorprese e tutte le avventure dei negozianti. Recapitata ogni venerdì alle 9.