Dolcetto, scherzetto, Halloween (e aumento della redemption)

E’ Halloween, caro lettore, e che ti piaccia o no, se hai [mini]kid, ti tocca ballare. Come soddisfare al meglio il tuo cliente (il [mini]kid, ovviamente)?

Il tuo cliente ha come obiettivo non tanto il fare incetta di dolcetti o di spaventare a morte i vicini, ma quanto di “riuscire nell’obiettivo”, che è farsi ricevere da una percentuale di vicini di casa superiore (se gli leggo bene la mente) al 66% dei tentativi.

La mia strategia 2011 è quindi composta da:

  1. abbassamento della soglia di rischio percepito rispetto a qualcuno che vi suona il campanello di casa dopo il tramonto;
  2. puntare sul fattore “che bambini cariniii, sanno pure scrivere!” che contraddistingue anche il più arcigno degli anziani e di altri genitori (il nostro main target, gli altri sono fuori casa, di solito);
  3. ma soprattutto, sfruttamento del gadget a costo zero per sfruttare il fattore S. Qualsiasi cosa a Scrocco aumenta i contatti inutili del 1000%. E in questo caso, visto che l’obiettivo non è avere contatti utili, ma solo e principalmente contatti inutili, è la tattica perfetta.
Sotto, il volantino cardine della strategia, che andremo ad appiccicare tra pochi minuti nelle case di tutto l’isolato. Bu!

PS: è andata benissimo, abbiamo raggiunto almeno il 75% di contatti, espressi come “numero di case che hanno donato dolcetti”.

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in strategia digitale. Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

4 Commenti

  1. Biljana
    Pubblicato il 31 ottobre 2011 alle 1:18 PM | Permalink

    Genio! :-)

  2. Pubblicato il 31 ottobre 2011 alle 2:21 PM | Permalink

    Io avrei puntato anche su un mini elenco su come funziona questa festa (che ai + non appartiene). Se diciamo “scherzetto o dolcetto” non significa che dovete scegliere tra subire uno scherzo o PRENDERE un dolcetto (è successo realmente a mio figlio !).

  3. Pubblicato il 31 ottobre 2011 alle 4:56 PM | Permalink

    Un bambino non scriverebbe mai “delle/dei” “mie/i” e non metterebbe mai un “PS”. Io non aprirei la porta, chissà quale malintenzionato nascosto da bambino si nasconde dietro questa lettera. ;)

  4. Anna
    Pubblicato il 2 novembre 2011 alle 1:15 PM | Permalink

    Se i figli dei miei vicini invece di cercare di abbattere la porta a pugni avessero avuto genitori a suggerirgli di far così avrei aperto volentieri.