web analytics

I dettagli sono fondamentali

(Foto dell’ingresso della biblioteca comunale, pochi minuti fa, eletta a mio coworking temporaneo)

Giuro che sono rimasto almeno dieci secondi fermo davanti a questo cartello. Se fosse stato un checkout di un sito, avrei abbandonato. Sono entrato lo stesso (e ho seguito la freccia, non la scritta, che è interessante come esperimento comportamentale) ma questo cartello comunica a prima vista che questo posto è tutto pensato in funzione di chi lo gestisce, e poco nei riguardi di chi lo usa.

L’altro giorno Marco Brambilla mi ha segnalato Gumroad, che serve per vendere beni digitali nel modo più semplice possibile: un link. Ma la cosa interessante davvero era vedere che per la prima volta qualcuno ha pensato l’inimmaginabile: che anziché chiedere all’utente che carta di credito ha, si può capirlo semplicemente dal numero iniziale.

Regola n.1: è il sito a dover capire l’utente, non viceversa.

[spazio advertising: se vi interessano questi temi tengo un corso su ecommerce e dintorni a Rovigo sabato prossimo, il 2 e 3 marzo a Catania, 27 e 28 marzo a Ravenna, e a questo Master a Firenze (sconto 30% con codice -- seguono dettagli, se volete aggiornamenti lasciate un commento]

Questo articolo è stato pubblicato in comunicazione, e-commerce. Bookmark the link permanente. I commenti ed i trackbacks sono attualmente chiusi.
  • Sei iscritto alla blogletter? I post della settimana, sorprese e tutte le avventure dei negozianti. Recapitata ogni venerdì alle 9.