L’anello di congiunzione tra content marketing, acquisto e Google

Di rado pubblico infografiche e schemi altrui qui, preferendo lasciare andare i pensieri (miei) in libertà sulla tastiera (ho sempre scritto che questo blog lo tengo per me, e non per chi legge, in una sorta di terapia psicologica, ed è vero). Tuttavia questa settimana mi sono capitate davanti due esemplificazioni molto poco fuffose e stranamente collegate tra loro, una riguardante qual è il ruolo del contenuto rispetto al customer journey (cioè quanto siete lontani dall’acquisto, il sacro graal di ogni ecommerce manager), l’altra riguardante il rapporto tra il contenuto e il posizionamento in Google.

Sul primo, si tende spesso a produrre contenuti “belli” senza pensare che non stiamo in gara per il premio Strega o per il David di Donatello (dico nomi a caso, non so nulla di queste cose) ma per vendere una minestrina in più o far provare un SUV in più in concessionaria.

Sul secondo punto, si è sviluppata una corrente di pensiero che punta al contenuto come strumento di marketing sempre e comunque, come se fosse davvero possibile che ogni azienda diventi un editore e che soprattutto ogni tipo di contenuto (e di posizionamento su quello) sia contendibile da un’azienda.

Ecco il primo schemino, sufficiente semplice da permettermi di non spiegarlo (che devo correre a prendere un treno).

theeword-content-and-customer

via Eword

Ed ecco il secondo, veramente geniale.

1FD42B3E-124C-4620-8DBE-4BDEBAAAEB2F

Su questo tema vi interessa forse un altro mio post sul content marketing.

Argomenti simili

Google odio e amore | idee gratis di marketing | media e informazione online | strategia per vendere online | strategia sui social media

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in strategia digitale e il tag , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

Un Commento

  1. Pubblicato il 7 maggio 2015 alle 8:52 AM | Permalink

    Tutto fila. Credo che il punto più difficile sia proprio auto-capire che non siamo in gara «per il premio Strega», come scritto sopra: la limitazione, per chi ha la passione dello scrivere, può essere una vera tortura. Ma giustamente, stiamo facendo marketing, quindi tocca adeguarsi e farlo al meglio!