Un test per il multichannel manager: ti serve il click & collect?

Negli ultimi tempi mi capita spesso di lavorare sulla zona grigia che definisco l'”ecommerce senza consegna” (pick and pay o click/order and collect, cioè quando fai l’ordine online e passi tu a ritirare), o la “consegna senza ecommerce” (chi vi consegna a casa robe di altri, come JustEat, Foodinho, Teletrasporto in Italia, Instacart negli USA, Uberpop in alcuni paesi e simili).

È una parte importante di quello che si definisce a seconda degli studi e dei convegni come multichannel, omnichannel, multicanalità, ecommerce multicanale: sempre la stessa cosa è: ripensare il business sulla base del cliente e non della logistica, o della tecnologia, o del portare a tutti i costi il cliente in negozio, anche se non ne ha voglia.

Il click and collect, e le sue scelte (in negozio o fuori? in contanti o prepagato? stesso personale del negozio o dedicato? prendere dagli scaffali o magazzino separato? prodotti solo nostri o distribuire anche quelli di altri?) sta diventando un chiodo fisso di ogni omnichannel manager: ma serve davvero e sempre?

Ovviamente no, come l’ecommerce del resto. Dipende da un sacco di variabili, non ultima dove vive il vostro cliente, come ho scritto in questo post. Quindi serviva un test, o una scorecard — se volete essere più cool alle riunioni. E ricordate sempre: meglio due giorni a fare test che a fare slide.

Per ogni domanda, scrivete un punteggio seguendo le indicazioni. Poi andate all’ultima riga.
Definireste divertente/un evento/coinvolgente fare la spesa da voi? Avete perfino il bar e il ristorante dentro?
Assolutamente! 0 Per niente 5
In quante persone si fa la spesa da voi?
5- numero di persone per scontrino
Quante volte il cliente fa la spesa al mese? O all’anno, dividendo per 12?
numero
Avete un comodo parcheggio disponibile come pickup point o siete vicini alla metropolitana/stazione.
Assolutamente! 5 Per niente 0
A quanto ammonta la spesa media?
Dividetela per 20
Quanto è ricco il vostro cliente?
(abbastanza = 5; povero, ma bello = 0)
Direste che serve provare il prodotto prima di comprarlo, per taglia o altro?
Be’ certo che sì = 0
Sarebbe meglio = 2
Certo che no = 5
Prevalenza geografica del cliente
In città 5
In periferia  3
In campagna 0
Risparmio rispetto alla consegna a domicilio del vostro store
Risparmio In euro
Sommate tutto e dividete per nove. Più la media è vicina a 5, più un servizio di pick and pay sarà ben accetto dai vostri clienti e sarà fondamentale. Se siete sotto il due, forse non serve né a voi, né ai vostri clienti.

Argomenti simili

come fare pubblicità | strategia per vendere online

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in strategie di e-commerce e il tag , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.