Chi non ce l’ha, non ci sarà

Pare che per accreditarsi allo SMAU come giornalista, serva un fax. E allora Carlini sul Corriere infilza l’ufficio stampa della fiera milanese.

[…] abituati ad avere il controllo del loro messaggio, ora i comunicatori si trovano in un mondo dove i clienti e “la gente” prendono la parola, dove le notizie (specialmente quelle brutte) si diffondono in pochi minuti in tutto il pianeta e dove non si tratta più di “emettere” comunicati, ma di ascoltare, dialogare e conversare. Grazie all’Internet e alle conversazioni ininterrotte dei blog, le forme e le regole comunicazione d’impresa e quella politica sono completamente mutate. Qualcuno a Milano non se ne è ancora accorto, e peggio per lui.

Via Errepi

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Vi serve davvero una Pagina Facebook? In sei facili domande.

Quanto tempo passiamo sui social e in quali – più qualche considerazione

I numeri verdi sui flaconi: la guida definitiva

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

3 thoughts on “Chi non ce l’ha, non ci sarà”

  1. Un po’ com’era per il futurshow quand’era a bologna, che chiunque riusciva a raccattare un’ingresso gratuito. In effeti si capiva anche il perche’, di nuove tecnologie neanche a parlarne.

I commenti sono chiusi.