Il cartello coupon

“Se portate la foto con il celulare di questo cartelo sconto del 10%”

Il cartello-coupon mancava nella tassonomia oramai definita dei cartelloni pubblicitari, già argomento di due fortunati post.

Resta da capire se tanta genialità nella strategia crossmediale (o multicanale che dir si voglia) sia abbastanza casuale o frutto di un accurato studio sul comportamento del consumatore medio (lo vedo sogghignare, questo cartello: “vedrai, vedrai come me le faranno le foto, perché a uno sconto aggratis non si dice mai di no,  sai mai che mi capiti prima o poi di andarci e intanto io vivrò per sempre nei loro cellulari, da cui non sanno mica scaricare o cancellare le foto”).

In alternativa, qui si pensa che potrebbe essere invece che il venditore, non riuscendo a piazzarlo come al solito a impression presunte, ha ceduto lo spazio in pay per click (fotografico, in questo caso), o — preso dalla nera disperazione come certi portali — in pay per action/redemption (e questa sarebbe un’innovazione davvero disruptive nella storia del cartello pubblicitario).

(Thanks to Sav.)

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Click & collect: quando serve e a chi, un test

Tutti i dati dell’E-commerce, ma in negozio

Vendere online: storytelling o Booking.com?

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

16 thoughts on “Il cartello coupon”

  1. pure “cartelo” ma dico un controllino prima di andare in stampa no?
    cmq un tentativo di misurazione del ROI, geniale XD

  2. E’ un’idea geniale, non l’avevo mai vista, e sicuramente aumentarà il passaparola, fino a quando saranno così pochi i ristoranti ad applicarla.

    E’ un’evoluzione del “ritaglia questo coupon e presentati…”

  3. Grande!
    Unici nei: la L singola e il costrutto della frase, sinceramente un po’ zoppicante in italiano. Sembrerebbe che si debba portare una foto che ritrae il cellulare di proprietà del cartello – il cartello forse ha un suo cellulare? :-) – oppure si debba portare sia una foto – a caso – ed in più sempre questo benedetto cellulare di proprietà del cartello :-)
    Sarebbe stato meglio “Se portate la foto di questo cartello fatta con il cellulare sconto del 10%”
    Ma sono questioni di lana caprina. L’idea invece mi piace un bel po’.

    1. Secondo me hanno tolto la “L” perchè altrimenti non ci stavano con la frase in termini di spazio!

      Comunque volevo esprimere un like per maurizio perchè l’idea della foto di questo cellulare di proprietà del cartello mi ha fatto troppo ridere :D
      Che sia una caccia al tesoro?

  4. Siamo quasi arrivati al: “Se leggi questo mio commento 10% di sconto sulle mie consulenze”. Geniale!

  5. L’idea non è affatto male; la realizzazione, l’ortografia (cartelo, celulare) e la sintassi da dimenticare

  6. Ecco proprio la mancanza di una L mi fa pensare che la cosa sia abbastanza autentica/spontanea. (l’idea: resterò per sempre nei loro telefoni…magari meritava un po’ più di impegno no?)

  7. A questo punto porto il post al Ristorante e pretendo la cena AGGRATISS!!

    Sav.
    (autore della foto)

    1. sav. devi fotografarlo con il cellulare, il post, non stamparlo, senno’ non ti fanno lo sconto… :)

  8. Uffa, l’hanno già detto in tanti… però lo voglio ridire: GENIALE!… e poi è scritto in autentico asitaliano… GENIALE!

    Ma perchè non mi vengono in mente idee così tutti i giorni :-)???

I commenti sono chiusi.