Ebook-commerce: io e Simplicissimus

Ok essere riservati, ma quando ogni persona che incontro mi chiede cosa faccio adesso, forse significa che è venuta l’ora di scrivere qualcosa anche qua: da qualche mese ho deciso di lasciare la mia ultima esperienza a tempo pieno in azienda (direttore comunicazione online e offline in Altromercato) per dedicarmi a un progetto di startup personale — per così dire.

— ah, fai il consulente? —

— Uh, no, veramente non mi sento un consulente

— e allora cosa sei? —

— Mi piace definirmi un part-time temporary online manager —

— Part time? Temporary? —

— Sì, riflettendo sulle mie esperienze in azienda e in agenzia, ho capito che manca spesso uno strato intermedio connettivo nella maggior parte delle aziende, che sta tra chi dirige l’azienda o il marketing o la comunicazione o l’organizzazione, e chi al di fuori realizza strumenti, tattiche, applicazioni, community, siti di e-commerce ecc. ecc. Manca qualcuno dentro che mantenga il digitale allineato e integrato con la strategia aziendale. Nonostante la buona volontà, spesso lo strumento viene abbandonato dopo poco tempo, in mancanza di risorse focalizzate. E la maggior parte delle aziende non può avere una struttura interna specializzata (per ragioni di convenienza, risorse, massa critica, esigenze di formazione). —

— Ma perché part-time? Perché temporary? —

— Perché in questo modo posso suddividere il mio costo tra più aziende (“social commerce di me stesso”) e anche rifertilizzarmi (come i contadini cambiano il raccolto ogni anno, per non impoverire la terra). —

La prima fetta è stata acquistata da Antonio Tombolini, che da anni osservo da vicino con la Simplicissimus Book Farm, nei cui confronti percepisco una karmica coincidenza —  visione del business, idee rivoluzionarie, cose così.

Pioniere dell’ebook store, SBF è salpata molto tempo prima delle corazzate attuali, quando nessuno davvero ci credeva, e dalla sua ha quindi la conoscenza di anni di navigazione in territori sconosciuti ai più. Il mio compito sarà quello di timoniere per l’e-commerce e addetto alle mappe strategiche. Fateci un grande in-bocca-al-lupo — e leggete cosa ne pensa Antonio qui.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Un mini-manuale di e-commerce in ebook

 Fare e-commerce attorno al cliente

Social commerce: cinque trend e la ricerca più importante dell’anno

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

19 pensieri su “Ebook-commerce: io e Simplicissimus”

  1. Finalmente si capisce qualcosina in più! Che in effetti questo “silenzio” sul tema non si capiva (e come al solito l’hai mirabilmente rappresentato nel post).
    In bocca al…ma che sto a dire…? Tu e Tombolini insieme non ne avete bisogno… :-)

    daniele

I commenti sono chiusi.