[ehcommerce, ep. 1] “metti nel carrello”

Quelli che ne sanno dicono che il pulsante “metti nel carrello” deve essere:

  • l’oggetto più evidente in pagina;
  • di un colore che “stacchi” dal resto del sito;
  • possibilmente arancione o di un colore caldo;
  • vicino al prodotto da acquistare;
  • tranquillizzante, sugli effetti successivi all’azione.
Penso che d’ora in poi come esempio utilizzerò l’immagine seguente: ecco cosa succede all’utente se la call to action non è ben evidente.
Il bagno testimonial è stato gentilmente offerto da Latveria.
Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Addio QRcode, è l’ora del Google Code per vendere casa

Comprare un’auto usata, nel 2018

La TV morirà, prima o poi

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

8 thoughts on “[ehcommerce, ep. 1] “metti nel carrello””

  1. Ah, dimenticavo!
    I giapponesi consigliano di visitare i bagni delle aziende presso cui si chiede un impiego: perchè dai bagni si capisce lo “stato” della società !

  2. Sarebbe interessante mimetizzare il pulsante dello sciacquone, magari distante dalla tazza (dietro mobiletto sarebbe l’ideale), con disegnato su un teschio e una scarica elettrica e vedere come è ridotto quel cesso a fine serata :-)

  3. @Gianluca Diegoli
    Beh ho pensato fosse quel cerchio color alluminio circa 50 cm sopra il rotolo di carta igienica… Se mi dici che invece bisogna utilizzare altri strumenti tipo catenelle o bottoni elettrici allora beh non so!!!

I commenti sono chiusi.