ins.ultal.it

Qualche giorno fa ho avuto un’idea per una startup 2.0, mashup e via dicendo.
La mission sarebbe di permettere, tramite l’integrazione API con le mappe di Google, di inserire insulti verso gli abitanti di una città, paese, località o anche sul vostro vicino di casa – se lo zoom della vostra zona lo permette, naturalmente localizzando il punto esatto sulla mappa prima del graffito virtuale.
Visto il livello di civismo e di campanilismo esistente nella penisola, credo sarebbe una killer application.
Cosa dite? Il modello di business?
C’è, c’è. E’ basato su:
– sottoscrizioni basic, free (puoi lasciare solo un insulto demo, scompare dopo una settimana)
– sottoscrizioni premium (insulti illimitati, anche in maiuscolo, permanenti)
– revenue share con Ordine Avvocati su eventuali parcelle derivanti da liti tra ins.ult.ers
– inserzionisti adv: i vari Meetic (“trovati una brava ragazza, invece di perdere tempo con siti come questo”)

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Come capire se l’abbonamento è un buon modello per il vostro ecommerce

I recettori e i dati sono il prodotto del futuro

Perché la qualità del native adv è responsabilità della piattaforma (Twitter, dico a te)

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

14 thoughts on “ins.ultal.it”

  1. mi viene in mente lo sketch dei monthy pyton: la clinica della discussione.
    uno pagava per discutere, ma poteva anche farsi insultare, ricevere lamentele, farsi picchiare.. e altro.
    penso che un posto del genere e la sua trasposizione su web, farebbe far miliardi a chi brevetta l’idea ;-)

I commenti sono chiusi.