Test: “Devo fare la app e/o il sito mobile?” (in ogni caso, scarica l’app di questo blog)

 

È la domanda che mi sento rivolgere sempre più spesso. Premetto che considero il sito ottimizzato per il mobile come le sospensioni di un’auto: non sono un optional, sono necessarie. L’app invece non serve a tutti, è come comprarsi il 4×4: lo fai se hai molti soldi da spendere, oppure se vivi in montagna davvero.

Prendete la lista, segnate quando è importante/rilevante ogni punto da 0 a 10, e fate le somme.

Sito mobile

  • funziona su tutti i device
  • riceve traffico dai motori
  • le pagine possono essere linkate dall’email e da qualsiasi tipo di “undercover web”
  • le pagine possono essere condivise su FB
  • ha un investimento più graduale per l’adozione (you know, SEO e la concorrenza negli app store!)
  • puoi reindirizzare i visitatori del sito “desktop” su quello mobile e viceversa
  • nessun processo di approvazione (libertà, la rivaluti quando non ce l’hai più)

Vantaggi dell’app

  • avete un wow effect?
  • siete un brand conosciuto?
  • sfruttate la geolocalizzazione?
  • vi serve la fotocamera o vi serve il barcode?
  • sfruttate tripli tap, tap prolungato, interazioni touch particolari come quella che ho visto in Cibando?
  • utilizzate l’inclinometro e altre robe del genere?
  • dovete davvero utilizzarla senza connessione?

Non so se Pietro Saccomani è d’accordo con questa griglia mi ha detto la sua opinione (vedi in fondo). Pietro, che conosco bene dai tempi del mitologico VoipBlog, da un po’ di tempo ha creato una startup, Mobiloud, che si occupa di sviluppare una piattaforma che a partire da un qualsiasi sito WordPress (il 70% dei siti, quindi) e installando un plugin standard crea e alimenta una app per iPhone e iPad di tipo editoriale. Mi ha chiesto di fare il beta tester e volentieri ho accettato perché credo sia un progetto interessante.

Quindi, da ora c’è la app di [mini]marketing sull’App Store. Non so se serva davvero, e sono convinto che solo i veri addicted di questo blog la scaricheranno (eterna gratitudine). Ma del resto, si predica sempre che solo dei veri addicted dovrebbe interessarci e che gli altri fanno solo numero, no?

Provatela, quindi, finché è gratis (come si dice nel marketing).

* Pietro ha integrato i pro-app:

  • push notifications –> meccanismo di subscription simile a RSS, newsletter che ti permette di “fidelizzare” un lettore
  • più views –> su mobile la velocità con cui un’app nativa ti permette di sfogliare i contenuti velocemente e quindi in media leggerne di più
  • possibilità di integrare subscription a pagamento e contenuti pay, per chi usa WordPress per distribuire contenuti premium
  • possibilità di usare ad network nativi come iAds/Admob, con un CTR maggiore rispetto a mobile web

(la foto in copertina è di e con @dile. Sì, è consenziente)

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

10 cose su app e mobile marketing, dal Digital Update

Un manuale di mobile marketing, gratis in ebook

La content strategy per l’ecommerce – in sintesi

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

7 thoughts on “Test: “Devo fare la app e/o il sito mobile?” (in ogni caso, scarica l’app di questo blog)”

  1. Ciao Gianluca,
    grazie per il post che pone un’interessante domanda, perchè deriva proprio dal mercato che, personalmente, ritengo in stato confusionale sull’argomento.

    A mio avviso, ogni strumento/canale di comunicazione (quindi di marketing) ha una propria efficacia che va sfruttata o meno a seconda degli obiettivi prefissati, insomma se sono in centro a Milano a piedi senza soldi e devo raggiungere Padova entro 24 ore, adotterò una strategia diversa se anziché essere a “piotte” sono in macchina.

    Il problema quindi per me non è sito mobile VS applicazione… ma capire dove siamo (mappa) e definire esattamente dove vogliamo andare (obiettivi). La strategia, poi viene da sé! :-)

    Cosa ne pensi?

    Grazie ancora,
    un abbraccio.
    Michele

  2. Io sono sempre per avere il sito mobile, con sottodominio o plugin poco importa, perché tanti navigano da mobile ed è quasi un obbligo fargli avere un supporto. Avere l’app è di impatto ma sicuramente alla portata di pochi, per sviluppo e costi.

    Detto questo sto commentando direttamente dall’app del tuo blog, bella, d’impatto perché semplice ma con tutte le funzionalità. :)

  3. secondo me un’app viene scaricata volentieri quando offre un di più rispetto ai contenuti per un blog IMHO la soluzione migliore è avere un tema responsive.

  4. La lista schematica era quella che mi mancava. Ora ce l’ho :)
    Ottimi argomenti e capita sempre più spesso anche a me di ricevere questa domanda.
    Cmq il top è “nessun processo di approvazione (libertà, la rivaluti quando non ce l’hai più)”
    Grande! ;)

  5. Ma invece di fare un app o usare un tema per mobile con tutti i problemi che ne consiguono, non è molto più facile usare un tema responsive?

I commenti sono chiusi.