Twitter visto dai giornalisti

Cosa ci trova il giornalista medio — letteralmente ossessionato — in Twitter, tanto da ritenerlo di norma un territorio ben più affollato di quanto non lo sia, mentre a essere ottimisti è popolato sì e no da un 10% degli italiani (CENSIS 2013) e in cui un tweet viene letto sì e no dal 10% dei follower? Sicuramente una specie di rivincita del testo scritto (anche se proprio qualche giorno fa anche Twitter si è arreso alle più popolari e democratiche immagini). Ma soprattutto, chi non lo adorerebbe, uno strumento che ti fa capitalizzare personal branding gratis (assorbendolo dalla citazione della testata nella bio, o dall’account strategicamente posto alla fine degli articoli) e senza doversi sbattere come con un blog?

A un mio primo studio, superficiale e banale, svolto dal sottoscritto su un campione non rappresentativo, direi che il medio giornalista mapperebbe il territorio così (tra parentesi, l’azione che gli richiede la situazione).

2013-11-04 13-49-55

 

Cliccare per allargare la mappa.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Perché la qualità del native adv è responsabilità della piattaforma (Twitter, dico a te)

Storie di caffè — e il design dell’esperienza utente

Quanto tempo passiamo sui social e in quali – più qualche considerazione

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

One thought on “Twitter visto dai giornalisti”

  1. Stavo cercando l’easter egg nascosta sotto la freccetta nell’angolo bottom-left della mappa, poi ho capito che non c’è nessuna easter egg. Uffa.

    Ottima mappatura, comunque! ;)

I commenti sono chiusi.