Il marketing insegnato (d)ai negozianti – Padova, Modena, L’Aquila, Lidi Ferraresi, Imperia (e continua)

Sono giorni un po’ così, di quasi ferie, di ponti, di gente che va e viene. E quindi un ottimo momento per rinfrescare la saga dei negozianti e del loro marketing.

PADOVA – Mercato rionale

 

Il nostro ortolano ambulante del nord-est, stanco della massaia che vuole i broccoli e i crauti biologici ma che poi gli fa storie se sono meno lucidi e splendenti di quelli dell’Iper, OGM e provenienti dall’Antartide, ha deciso di mettere un cartello di protesta. “A chi interessa” è un grido, a saperlo leggere: #occupymercato (via Glenda Spiller)

 

MODENA – Supermarket

 

Conad quando non è impegnata a stracciarci gli zebedei alla radio con “Ciao, sono il tuo supermercato Conad, lo sai che i cetriolini sono a 99 centesimi? Sottooo questo cieloooo!” fa promozioni originali e molto da “negoziante”. Chi non resisterebbe a un sacco di patate in omaggio? L’asterisco poi, a cosa farà riferimento?

 

L’AQUILA – Punto vendita Globo

 

Il marketing centrale della catena di abbigliamento si occupa aulicamente dell’unità d’Italia, con un certo vogliamoci bene e malcelato orgoglio patriottico. Il marketing locale si occupa invece pragmaticamente delle unità massime dei capi da portare nei camerini. E naturalmente non manca mai il severamente vietato, che piace sempre tanto al negoziante italiano. (via Simona Rossano)

 

LIDI FERRARESI – Stabilimento balneare

Source: instagr.am via Gianluca on Pinterest

 

Questo vale per la clientela affezionata. Per tutti gli altri, è necessario firmare un contratto scritto, e lasciare anche documento e carta di credito in garanzia. (di Pierluca Santoro)

 

APRICALE (IM) – UFFICIO TURISMO

 

Entrata libera è — secondo me — uno dei grandi misteri del marketing dei negozianti: esiste davvero qualcuno che pensa che sia obbligatorio comprare qualcosa, a questo mondo? In ogni caso, siccome ci si trova in Liguria, l’ufficio del Turismo locale ha la iper-premura di segnalare che il turista non verrà trattenuto contro la sua volontà o fatto uscire dalla località tramite pagamento.

La saga continua, eh, ho buffer per mesi :) Continuate a scandagliare i cartelli dei negozi! Se ti sei perso i miei post sul marketing dei negozianti Google te li elenca a questo link.

Vuoi ricevere i post via email?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.

Gianluca Diegoli on LinkedinGianluca Diegoli on Twitter
Gianluca Diegoli
Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management nel settore digitale. Lavoro su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane.
Ho fondato la scuola di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli. Insegno digital marketing all'Università IULM di Milano.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri libri.

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management nel settore digitale. Lavoro su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho fondato la scuola di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli. Insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri libri.

12 pensieri su “Il marketing insegnato (d)ai negozianti – Padova, Modena, L’Aquila, Lidi Ferraresi, Imperia (e continua)”

I commenti sono chiusi.