Pesca contro caccia

Il vecchio marketing è la caccia: molti proiettili, molti spari, e di più armi da fuoco disponi, e più sofisticate sono, più prede ti porti a casa.

Poi un giorno le prede hanno iniziato a comunicare tra loro su come sfuggire alla caccia, e quindi ora servono sempre più armi per catturare sempre meno prede.

Il nuovo marketing è la pesca: capire quale pesce c’è nello stagno, quale ci interessa, quale amo e quale esca utilizzare, pasturare sapientemente (non troppo e non troppo poco), utilizzare tutta la fiducia e la pazienza per aspettare, a volte per ore, che il tappo scenda, usare tutta una lunga tecnica di ingaggio per riuscire a tirare su il pesce.

La pesca è uno sport tremendamente noioso, si sa, niente bum bum bum. Non è per tutti. E in aggiunta il nuovo marketing utilizza la tecnica del catch and release, in modo che il pesce lo dica agli altri simili – che non lo avete mica mangiato.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Cinque cose del cambiamento online che non cambiano mai

Feature, novità, (paradosso della) scelta e altre cose che non ci fanno vendere di più

L’inferno dantesco del digital marketing in 9 comodi cerchi e gironi

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.