I distributori di sigarette nuocciono gravemente all’usabilità

Per non fare differenze, dopo il caso di Wikikea, di CristinASL l’interfaccia infernale, ora tocca al distributore di tabacchi. Il povero barista, probabilmente disperato e subissato di reclami e richieste di assistenza, ha scritto le FAQ direttamente sopra. E da buon community manager, ha ricordato che il distributore è sorvegliato, si vede che qualcuno l’aveva preso a calci per colpa dei pezzi da 5-10-20.

Qualcuno ha ancora dubbi che sarà la social innovation a trionfare?

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

La pagina monopost diventa un forum — ospita Viakal

La controriforma social: eccovi la pagina monopost di Facebook

Perché la qualità del native adv è responsabilità della piattaforma (Twitter, dico a te)

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

One thought on “I distributori di sigarette nuocciono gravemente all’usabilità”

  1. Ora ti racconto cos’ho visto io in Germania:
    il distributore di sigarette automatico che si trovava SOLO all’interno dei locali, accettava SOLO banconote da 5 euro, il perché è presto detto. Il resto infatti di circa 0,20 cents, in base alle sigarette che sceglievi ovviamente, ti veniva dato all’interno della plastichina che ricopre il pacchetto di sigarette, quindi tutto sigillato, una volta venuto giù il pacco.

    ‘Sti tedeschi son matti, ho pensato, ma lì nessun post-it! : )

I commenti sono chiusi.