Hotel: storytelling, social e curation, o no? Finalmente il test!

Non passa giorno che nel campo del turismo non si senta lodare lo storytelling, l’esperienza, il racconto, il contenuto (e i blog o i social di rimando) come strumenti efficaci di business. Io stesso ho proposto come farlo in 30 minuti al giorno. La domanda però sorge spontanea: “ma io, albergatore o simile, davvero devo usare tutto ciò o è meglio essere ben piazzati sui marketplace come Booking, Airbnb et similia, e lasciare a loro attirare clienti e a me trattarli al meglio e io concentrarmi sul servizio?”

Io e Camilla Drinkpop, nel tentativo di proporre uno speech al prossimo BTO (ma loro non lo sanno), abbiamo predisposto un test, facile, non risolutivo ma sicuramente indicativo in prima approssimazione.

Rispondi sinceramente e senza pensarci troppo alle domande. Per ognuna dai una valutazione da 1 a 5 (o come indicato nella risposta) a seconda che il tuo giudizio propenda per la prima risposta (1) anziché per la seconda (5) oppure rispondi direttamente con i numeri proposti. Pronto? Via!

1) Il tuo cliente sceglie scientemente di venire o è in qualche modo “obbligato” (dal lavoro, dal caso, dalla posizione geografica)?

1-2-3-4-5

2) Quanti giorni rimane di solito?

dorme e va 5

un giorno o due 3

si fa qualche giorno 2

una settimana o più 1

3) Quante alternative simili (sincero, eh!) ci sono nel raggio di 5 Km?

1-2-4-5+ (aggiungi il numero stesso)

4) Se ti dico SEM o SEO?

So tutto: 1-2

la so, dunque, i motori di ricerca, qualcosa del genere 3-4

Eh? 5

5) Sottrai da 10 il tuo ranking di Booking e dividi per due, poi arrotonda all’intero più vicino.

1-2-3-4-5+

6) Quando avviene la prenotazione?

più di tre mesi prima 1

circa un mese 2

circa una settimana 3

un paio di giorni 4

il giorno prima o il giorno stesso 5

7) Nelle recensioni di TripAdvisor i tuoi clienti nominano mai le persone dello staff chiamandole col nome proprio?

Un sacco di volte! 1

Qualche volta 2

Forse una volta, qualche anno fa 3

Mai successo, è grave? 4

Non lo so nemmeno io come si chiamano 5

8) Hai mai visto un tuo cliente due volte?

Sì, sono sempre gli stessi, in pratica 1

Almeno il 50% 2

Per fortuna no 4

Non ne ho idea 5

9) Calcola la radice quadrata del tuo numero di stanze

Inserisci il numero, arrotondando all’intero più vicino.

E ora, somma tutti i numeri!

da 35 in su: controllate bene come siete messi con i prezzi su booking e fate bene il vostro lavoro, lasciate perdere i social e lo storytelling, riempite stanze con chi lo sa fare in modo industriale.

da 21 a 34: fate bene i vostri conti, e affidatevi a qualcuno che ne sa. partite dall’usare bene le ota e cercate di fidelizzare con email e social.

da 11 a 21: potete fare un bel lavoro, ma per favore controllate che tutto il lavoro sui social abbia un qualche ritorno, insomma: imparate anche le analytics!

sotto i 10: ma chi siete, un albergo o una casa di marzapane? raccontate perché siete diversi, su! blog! social! content curation e un sacco di cose divertenti.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Turismo tra esperienza e marketplace 

Vendere online: storytelling o Booking.com?

L’ecommerce sarà questione di vetrina e di casse (ovvero di ingressi e uscite) – Parte 1

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

2 thoughts on “Hotel: storytelling, social e curation, o no? Finalmente il test!”

  1. Caro Gianluca, pur essendo un Blogger e “fornitore” di storytelling, sono daccordo con te; ma occupandomi da anni di marketing turistico, credo che affidarsi totalmente al booking on-line sia un po’ riduttivo. Una buona comunicazione social e la coltivazione delle relazioni con prospect r suspect può essere utile per accrescere la reputation. Anche per difendersi da eventuali ricatti da portale potente. Un saluto con tutti i miei complimenti.

I commenti sono chiusi.