Fare social media marketing per il vostro hotel con 30 minuti al giorno

2014-04-21 12.23.27

Spesso, durante sessioni di affiancamento e consulenza, invito i social media & digital manager ad andarsene lontano dalla scrivania e farsi un giro (nei negozi, nei dintorni, nel reparto produzione, negli show room, ecc. ecc.). Stare seduti davanti a Facebook è il modo per non essere efficienti su Facebook (e su qualsiasi altro social media). Guardate le persone: si muovono, prendono ispirazione da ciò che vedono, fanno, incontrano.

Spesso però, in alcuni settori con aziende molto piccole (turismo, per esempio), il problema è che il social media manager è anche troppo coinvolto nell’azienda: è difficile preparare il caffè, pulire la piscina o consegnare le chiavi al cliente mentre si è in giro a prendere ispirazione, fare foto e girare video.

E allora che si fa? Si valorizza il lavoro degli altri, che non vuol dire rubare, significa citare, linkare, embeddare, citare, menzionare. E aggiungere qualcosa.

Qualche giorno fa ero a Volterra in un hotel, perché un anno e mezzo fa avevo fatto, nell’ambito di un’iniziativa all’interno di Internet Festival a Pisa, un baratto informale, consulenza vs soggiorno. Così quando ho riscosso il mio coupon, ho fatto di nuovo volentieri due chiacchiere con il team dell’hotel: il problema, come sempre, è trovare il tempo, l’ispirazione, una strategia, un format.

Gli ho consigliato alcune tattiche:

1. Tagliare i rami social secchi: Twitter e Google Plus, Youtube e Pinterest. Non sono coerenti con i contenuti che un hotel può oggettivamente creare. Ho salvato Facebook, Tumblr/WordPress e Instagram, oltre all’email. Attenzione, questo non significa disinteressarsi di quei luoghi: significa non impegnarsi nella pubblicazione, non cercare di avere follower e ritorno, ma continuare a usarli come miniera. Miniera di che?

2. Le miniere sono i contenuti che i loro clienti, ma in generale i turisti, creano in una zona come quella. Tanti, belli, insoliti, diversi dalle brochure stantie, ma soprattutto “da completare”. Ma andiamo per ordine. Bisogna impostare delle ricerche. Sicuramente il nome della località e delle attività tipiche in zona. Un altro metodo è usare Google per completare le ricerche e trovare ispirazioni su punti di forza e di debolezza: scrivete cose del tipo

Why Volterra is…

Volterra is so…

Is Volterra… ecc.

(nel nostro caso, ho trovato che molta gente cercava Volterra in quanto vi è ambientato un libro da cui prende origine la famosa saga di vampiri per teenager “Is Volterra a real city”)

3. Occorre quindi impostare un sistema che trovi i contenuti creati in zona, o correlati con quello che le persone cercano della zona. Come si fa?

  • Attraverso Followgram posso cercare per hashtag simili tutti i contenuti di Instagram locali taggati con tutte le tag possibili e immaginabili, e ve le suggerisce lui (Followgram è una schiappa per gli utenti, ma è figo per le ricerche e per l’uso business)
  • Con Worldc.am posso trovare le foto di Instagram geolocalizzate in punti di interesse nella zona, anche se non hanno hashtag. Instagram usa i punti di interesse di Foursquare, cioè anche il vostro hotel, quindi
  • In IFTTT posso impostare che ogni foto Instagram geolocalizzata in un raggio di n chilometri da un punto possa essermi spedita via email o salvata in una cartella Dropbox
  • Su Pinterest posso trovare board geolocalizzate o cercare per hashtag, e vedere cosa salvano le persone (e cosa gli interessa quindi) prima del viaggio. Abbiamo trovato board su cose da fare a Volterra e dintorni.
  • Su Tumblr abbiamo trovato invece tante citazioni cinematografiche: gif animate di film. Perché non utilizzarle? Va a finire che il teenager di Philadelphia obbliga il suo papà a dormire a Volterra anziché a San Gimignano.
  • Anche su Foursquare ci sono foto di location in giro e nell’hotel. Su Twitter probabilmente troverete poco, ma impostare alcune ricerche salvate non vi costa nulla.

4. Questi contenuti sono da completare, sono titoli di componimenti da scrivere: le ricerche sopradescritte occupano al massimo 5 minuti. Ve ne restano 25. Qui viene fuori se conoscete davvero il vostro territorio e siete consci di ciò che porta le persone da voi (sì, Booking, il prezzo, il letto comodo e tutto il resto, ma intendo quello che viene prima).
Trovate una-foto-una al giorno. Può essere vecchia. Può essere fuori stagione, non importa. Deve catturare la vostra curiosità, mettendovi il più possibile nei panni del visitatore che non sa nulla. A Volterra una delle cose più fotografate è un enorme anellone sopra una collina, e l’hotel mi ha spiegato cos’era.
Ogni foto può essere lo spunto per un post su Facebook, aggiungendo 200 caratteri e indicando cos’è, perché dovrebbe interessarti, le curiosità, quello che non si legge su WIkipedia, ecc. ecc.
Se il contenuto è più interessante e siete ispirati, e se riuscite a scriverne almeno 500 battute, fatene anche un post su di un blog, servirà per Google e poi per riciclare contenuti per la newsletter.
Per Instagram usate PhotoRepost o similari app, e scrivete più che potete nella descrizione, avete 2000 caratteri, usateli.
Non dimenticate mai di chiedere o avvisare dell’utilizzo il legittimo proprietario, con un commento, un reply o un messaggio. Potete pure migliorare la foto con qualche filtro. Non scordate gli hashtag, ovunque.

5. La domanda che sorge spontanea è: avete davvero bisogno di immergervi in questo storytelling un po’ parassita ma che valorizza i contenuti altrui per fare content marketing del vostro hotel? Non c’è mai una risposta valida per tutti. Dipende da quanto volete farvi collegare al territorio e quanto vi serve sembrare un unicuum con l’esperienza locale, quanto vi conviene in termini di vendite essere reputati competenti per i desideri dei “residenti temporanei” e non solo dei rifugi per chi vuole essere semplicemente turista, e vuole solo dormire bene da qualche parte, senza essere scocciati dal vostro storytelling. Per sapere questo avete bisogno di un algoritmo (ok, test a punti) che sto elaborando: è buono per un prossimo post. EDIT: ora c’è un TEST!

Se vuoi saperne di più, magari puoi chiedere di persona al Digital Update Travel: trovi informazioni sulla pagina del corso.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Instagram spiegato ai marketing manager

Il budget digital: passare dalle impression all’attenzione

Il percorso dei contenuti dell’ecommerce verso la vendita online

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

One thought on “Fare social media marketing per il vostro hotel con 30 minuti al giorno”

I commenti sono chiusi.