I consumatori (ops, le persone) più “responsabili” usano i social media per informarsi

foto di @twittaurora

Qualche giorno fa mi è arrivato un comunicato stampa di Nielsen in cui si diceva che

il 46% dei consumatori globali online è disposto a pagare di più per prodotti e servizi di aziende che hanno sviluppato programmi di responsabilità sociale, consumatori che Nielsen definisce “socialmente consapevoli”.

E ancora:

In Europa, l’Italia si posiziona al primo posto con il 38% dei consumatori che dichiarano di essere disposti a pagare di più, seguita da Germania (32%), Spagna (31%), Francia e Gran Bretagna (entrambe 27%).

(anche se degli italiani e delle loro dichiarazioni, dagli exit poll in poi, mi fido abbastanza poco)

Ma il punto decisivo è questo forse:

i consumatori globali socialmente attenti si fidano dei consigli da parte di persone che conoscono (95%) e cercano pareri e informazioni pubblicate online da altri consumatori (76%). I consumatori socialmente consapevoli sono, inoltre, più propensi, rispetto ad altri partecipanti alla ricerca, a utilizzare i social media per prendere decisioni d’acquisto (59% rispetto al 46% sul totale degli intervistati).

Non si tratta più di fare stanco cause-marketing (compra questo, che devolviamo un euro a una scuola in Africa) si tratta di embeddare lo scopo nel prodotto (compra questo, costa di più, ma abbiamo dato un giusto salario alle persone che lavorano in Africa per noi)

Dopo aver descritto la parte delle persone e delle attività online conseguenti delle aziende come un corrispettivo digitale dei carri di carnevale e del gettito, è una buona notizia, soprattutto per me, che ho sempre scritto che l’utilizzo al meglio dei social media deve essere accompagnato da quello che Gapingvoid definiva “purpose-idea” e Tara Hunt higher purpose: qualcosa che va al di là del puro scambio economico di breve periodo.

Il miglioramento della vita e della comunità diventa così un fattore decisivo per il successo nei social media ma è anche un punto a favore, un piccolo vantaggio per quella fascia di iniziative marcatamente incentrate sul tema della sostenibilità che non ha grandi budget da spendere, ma può sfruttare il fatto che le persone sono sempre più media, e che buona parte di queste non usano vivaddio il loro palinsesto solo per guadagnare bollini o sperare di vincere concorsi a premi, ma anche per cambiare, passo dopo passo, il mondo che le circonda.

Su questo, e poi giuro di non parlarne più ;), ho scritto un post un po’ personale su di me, le banche, le “campagne” e sul senso dell’uso dei social media sul blog di Non Con I Miei Soldi. Ve ne riporto il pezzo finale direttamente qui.

Con i social media potete vendere più formaggini globali, più yogurt contro il colesterolo, potete fare concorsi a premi, basta avere abbastanza budget. Ma tutto questo non è niente di nuovo, e non è niente di difficile: regala qualcosa e arriveranno le folle.

Quello che possiamo fare davvero è coinvolgere senza budget milionari quelle relativamente poche persone che ci interessano davvero mettendo in comune uno scopo, un valore, un obiettivo comune e che davvero sono interessate a produrre un cambiamento, dentro o fuori l’azienda. Perché le persone oggi sono media, e possono utilizzare la propria influenza per coinvolgerne altre. Esattamente come è successo a me, quando tramite i social media sono entrato in contatto con la galassia di Zoes. A volte sembra che nulla cambi, perché il cambiamento è lento. Ma, credetemi, non è così.

Dice ancora Nielsen:

per permettere che le attività di marketing sociale influenzino le vendite, i clienti devono prima di tutto essere consapevoli dell’impegno effettivo dell’azienda. La ricerca dimostra che i social media sono uno strumento fondamentale per l’effettiva riuscita di una strategia di marketing sociale.”

Ma forse è vero anche l’inverso.

Argomenti simili

cosa penso delle banche | il marketing dei barattoli | osservando il marketing in giro

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management nel marketing digitale.
Il mio lavoro è supportare le aziende come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, marketing,omnichannel.
Ho lavorato - tra gli altri - per Coop Alleanza 3.0, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Henry Cottons, LVMH, Telenor, CRIF, PMI, agenzie e startup.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in social media marketing, strategia digitale e il tag , , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

6 Commenti

  1. Pubblicato il 6 aprile 2012 alle 10:18 AM | Permalink

    tutti bellissimi discorsi, ma quei consumatori che non ce la fanno ad arrivare a fine mese e devono comprare per forza prodotti di aziende “cattive” che non fanno pagare di più i loro prodotti perché non danno una mano a nessuno e non migliorano il mondo? Il problema è proprio complesso…. ma son d’accordo che se si cambia tutti insieme pian piano se ne esce ;)

  2. Pubblicato il 9 aprile 2012 alle 10:47 PM | Permalink

    Noi di OIP ci troviamo molto in sintonia con questo articolo perche’ con la nostra iniziativa vogliamo far crescere la voce e le esperienze delle persone.

    Se volete trovare in modo facile e immediato i servizi che piu’ vi servono provate ad andare qui: http://bit.ly/Hbs8oC e guardatevi il video :-)

    Davide Varvello

  3. Pubblicato il 11 maggio 2012 alle 11:52 PM | Permalink

    E’ palese che internet sta giocando un ruolo importante sull’informazione e sui consumi, è molto comodo informarsi sui prodotti di proprio interesse leggendo i test su alcuni siti specializzati.

  4. Pubblicato il 2 luglio 2012 alle 12:46 PM | Permalink

    Per aumentare le visite si deve fare il SEO, i social Network contribuiscono solo in minima parte alle visite verso un sito web.

  5. Sanitari Bagno
    Pubblicato il 2 luglio 2012 alle 12:47 PM | Permalink

    In effetti io ho provato a fare pagine sui social network per aumentare le visite al mio sito ma con scarsi risultati.

    [edit di @gluca] questo commento è spam link lasciato dalla stessa agenzia e dallo stesso IP del commento precedente. bravi, eh. sicuramente avrete scarsi risultati dalla SEO, oltre che dai social.

  6. Gianluca Diegoli
    Pubblicato il 4 luglio 2012 alle 5:44 PM | Permalink

    infatti, per fare SEO spammate commenti inutili su mobili e arredamento bagno, bravi. peccato che io non sia nato ieri e ve l’ho cancellato.

4 Trackback