Cinque cose da non fare con i comunicati stampa

Mi pareva di aver scritto talmente tante volte sul rapporto tra aziende (uffici stampa, in particolare) e blogger che mi vengo a noia da solo. Tuttavia nel 2013 ancora la maggior parte delle agenzie di PR/stampa non sa come mandare e a chi, come scrivere, cosa inserire in un comunicato.

Riepilogo quindi i post del passato, e aggiungo cinque cose da non fare per i più pigri.

  1. Non usare un linguaggio pubblicitario, sopra le righe, iperbolico, stereotipato, pieno di buzzword scontate. Non fate come questi di Saatchi nel 2007
  2. Non mandateli come immagini scannerizzate. Eh sì, succede, per esempio all’agenzia dell’Effervescente Brioschi.
  3. Se parlate di una pagina Facebook o di un social qualsiasi, non usate la parola “sbarca”, e mettete il link (quelli dell’Effervescente si dimenticarono)
  4. Non usate il CCN, è poco professionale, non consente di segmentare la lista (“blogger simpatici”, “blogger antipatici” “blogger di Milano” “giornalisti web”, devo continuare?). E quindi per forza poi spedite tutto a tutti (uguale, cestinato) Questo metodo inoltre non consente di cancellarsi dalla lista. Posto che sia legale farlo, e che abbiate reperito correttamente l’indirizzo email, poi vi mettono comunque in spam, se non c’è l’unsubscribe, come faccio io. Alla lunga, tutto il vostro dominio di posta va in spam: anche chi lo avrebbe ricevuto volentieri potrebbe non riceverlo più. Usate un Service Provider come Mailup o Mailchimp, anche per liste di cento iscritti.
  5. Non allegate immagini/PDF/video ecc., mettete il link per il download e/o una pagina web in cui sia descritto il succo. Questo ha due vantaggi: A) non appesantite la casella di posta B) chi pubblica online può condividere qualcosa su Twitter, Facebook ecc. senza dover scrivere per forza un post.

Bonus: rileggete questo decalogo, accidenti! In sei anni ancora non l’avete applicato.

Argomenti simili

facebook | media e informazione online | strategia sui social media

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management dei canali digitali.
Il mio lavoro è supportare il management come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, digitalizzazione del marketing e del retail. Ho lavorato per Coop, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Telenor, CRIF e altre aziende ed enti.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in idee di comunicazione e il tag , , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

2 Commenti

  1. Pubblicato il 3 ottobre 2013 alle 10:25 AM | Permalink

    Non impareranno mai perchè l’ufficio stampa è spesso considerato mansione da affidare a gente improvvisata o al primo che passa di lì…

  2. Pubblicato il 10 ottobre 2013 alle 2:18 PM | Permalink

    Il comunicato è troppo spesso scambiato per qualcos’altro, specialmente in rete.

Un Trackback

  • Di Scrivere un comunicato stampa il 7 ottobre 2013 alle 6:02 PM

    […] Cinque cose da non fare con i comunicati stampa un post riassuntivo con utili rimandi a precedenti approfondimenti sul tema) […]