un blog di dieci anni

Me lo ricordo come se fosse l’altro ieri, quando decisi — sto usando il passato remoto per una cosa online, fa una certa impressione — di aprire questo blog: un fax a Tiscali e un fax al NIC, un account di Blogger che pubblicava sul mio dominio via FTP, che fantastico accrocchio di tecnologie.
Perche’ lo feci? Ormai me l’avranno chiesto decine di volte, incredibile quanto la gente ami intervistarti nell’epoca in cui devi scrivere tanto per riempire cartelle senza fine, e nell’epoca delle interviste online e’ piuttosto efficiente fare in modo che sia l’intervistato e non l’intervistatore a sbobinare. In sintesi, un mix di senso di sottovalutazione (“come diavolo fa il mondo a non essersi ancora accorto della mia grandezza?”), noia e curiosita’: un po’ quello che muove qualsiasi persona, credo.
C’e’ da dire che allora avere un blog era un po’ l’unica forma di autoespressione non mediata da un filtro editoriale, e quindi tutti coloro con un minimo di capacita’ scrittoria lo aprivano, prima o poi. Gia’, la scrittura: era un periodo di grandi rivincite per chi non sapeva poi tanto parlare (o suonare la chitarra in spiaggia) ma gli veniva dalle mani quella cosa che allora era riservata a scrittori e giornalisti, e sentiva di doverlo mettere da qualche parte (e poteva finalmente scrivere lettere d’amore via mail senza essere considerato ottocentesco).
Tutti gli altri autoconsiderantesi artisti dell’epoca erano penalizzati dalla scarsa banda disponibile o dallo spazio in hosting costoso: le foto si caricavano con una lentezza esasperante — e ora che scorriamo 1000 foto di Instagram o di Tumblr al giorno non ci sembra nemmeno vero — i video prima di YouTube erano riservati a chi poteva pagare in LireBit i download della propria audience.
Per questo, quando i talebani della privacy mi dicono che nel 2014 le grandi corporation social e online si vendono il colore dei miei occhi come dati statistici (cit.), io alzo un po’ le spalle e penso “fate come volete ma lasciatemi questa cosa che io posso caricare foto, testo e video senza limiti”, del resto la Coop lo faceva anche con la tessera fedelta’ di mia madre, e in cambio non le ha migliorato la vita, bollini esclusi.
Ora, scrivere e leggere non e’ piu’ il mezzo di espressione dominante, da quanto l’online e’ stato colonizzato dalla gente normale, da quando il mio vicino di casa ha Facebook e vive di Youtube. La gente guarda le figure, fisse o in movimento, su questo non ho dubbi (e pure io, sia chiaro). E ne sono pure contento, di questa de-elite-izzazione della rete, anche se ha eliminato la mia indifendibile e wishful-thinking speranza che l’online avrebbe reso anche la gente un po’ piu’ intelligente, in media. Ma vabbe’, non era davvero possibile. Ha solo divaricato le opportunita’: chi era gia’ curioso puo’ esercitare a un livello stratosfericamente superiore, chi guardava i programmi del pomeriggio, li puo’ avere ventiquattro ore su ventiquattro.
Dopo dieci anni, mi ritrovo a essere sopravvissuto: dove cazzo siete finiti tutti, verrebbe da dire: qualcuno ha fatto dell’online talmente una professione da non avere piu’ nessuna voglia di scrivere in prima persona, come un pasticcere che odia i dolci, qualcuno ha visto i suoi lettori meno assidui e si e’ scoraggiato o scocciato di scrivere per quattro gatti (oh, non che questo blog superi i 20.000 unici mensili), qualcuno e’ diventato famoso e deve sottrarsi alla celebrita’ il piu’ possibile, un altro ha clienti permalosi che non gli permettono piu’ di scrivere, in pratica e cosi’ vai di social, che hanno il vantaggio di limitare i pensieri per pochi e fidati (a parte quella cosa degli occhi).
Ha senso aprire un blog ora? Davvero, non lo so. Ogni tanto uno studente di marketing mi manda una mail in cui dopo tre post mi chiede cosa ne penso del suo blog: rifammi la domanda tra un anno, gli rispondo. Lui spesso nemmeno mi risponde, probabilmente offeso. Un blog e’ un viaggio, si fa piu’ per se stessi che per il resto. Non staro’ a ridirvi di come monetizzare un blog sia quasi impossibile, se non in quanto differenziatore di voi stessi dagli altri.
Eppure io sto continuando ad aprirne, piu’ che altro perche’ lo trovo un modo divertente di avere collezioni e squarci di realta’ parallele — non installo nemmeno le Google Analytics, nemmeno controllo l’engagement o i follower su Tumblr: per i curiosi, nella spalla destra del blog c’e’ la lista.
Fategli gli auguri, quindi: io sono in vacanza, ho lasciato il Mac a casa, sto scrivendo questo post da una tastiera Bluetooth in cui non ci sono le accentate, ho cancellato dall’iPhone le app di Facebook e di Twitter, e mi sto dedicando solo alle mie internet interiori su Instagram, leggo cose lunghe e basta, non converso con nessuno se non con il barista dello sperduto caffe’ valenciano. Ma lui e’ sempre li’, che fa leggere piu’ di 500 post a quelli che arrivano, compresi quelli che arrivano da Google e che scappano subito, visto che cercano inutilmente il telefono di Sky o di Quixa.

Argomenti simili

facebook | idee gratis di marketing | marketing alla GDO | media e informazione online | mobile marketing | strategia sui social media | turismo

Gianluca Diegoli on sabtwitterGianluca Diegoli on sablinkedin
Gianluca Diegoli
Sono un bocconiano sfuggito alle società di consulenza, con un'esperienza ventennale di management dei canali digitali.
Il mio lavoro è supportare il management come consulente indipendente e manager temporaneo su e-commerce, digitalizzazione del marketing e del retail. Ho lavorato per Coop, Ducati, Barilla, Tiscali, Altromercato, Cirio, Telenor, CRIF e altre aziende ed enti.
Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore e Social Commerce per Apogeo, e altri.
Ho fondato Digital Update assieme ad Alessandra Farabegoli, che organizza corsi sulla comunicazione digitale.
Insegno e-commerce all'Università IULM di Milano.
Questo inserimento è stato pubblicato in idee di marketing e il tag , , , , , , . Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.

12 Commenti

  1. Pubblicato il 27 luglio 2014 alle 9:32 AM | Permalink

    TANTI Auguri, Blog di Gianluca!

  2. Massimiliano
    Pubblicato il 27 luglio 2014 alle 11:58 AM | Permalink

    E noi festeggiamo dieci anni (o qualcuno meno) da lettori, categoria che ha seguito le stesse evoluzioni, eppure è sempre là. Auguri Gianluca!

  3. Pubblicato il 28 luglio 2014 alle 10:04 AM | Permalink

    A [mini]marketing, grazie per i tanti spunti di riflessione.
    A gluca, a presto (settembre, vero?)!

  4. Pubblicato il 29 luglio 2014 alle 12:27 AM | Permalink

    Magari si scrive ancora comunque non nel mio giardino ;)
    Auguri :)

  5. Pubblicato il 29 luglio 2014 alle 10:31 AM | Permalink

    Ancora un articolo interessante qui a [mini]marketing.
    In particolare mi sono interrogato sul senso di aprire un blog ora e da studente di marketing sono d’accordo con te, non lo so.
    Mi ritrovo in accordo con te quando dici che scrivere un blog é più un viaggio personale. Io aggiungerei un impegno ed un modo per scaricare la frustrazione (non é un mistero che chi ama e studia il marketing non riesce ad esprimersi, o almeno questo vale per me).
    In ogni modo ti auguro altri 10 anni di blogging, io da parte mia rispettero’ l’appuntamento con i tuoi articoli.

  6. Pubblicato il 29 luglio 2014 alle 2:17 PM | Permalink

    E’ 10 anni che pubblico il paperogiallo che è stato il primo blog dedicato al food.
    Oggi il blog è letto tra 2500/3000 lettori unici-giorno e mi sembra un’enormità.
    Il blog lo scrivo per mio piacere ma vedo che spesso è piacere anche per chi legge.
    Auguri per i prossimi 10 anni.

  7. Max
    Pubblicato il 29 luglio 2014 alle 4:24 PM | Permalink

    Complimenti Gianluca!

  8. Pubblicato il 29 luglio 2014 alle 4:42 PM | Permalink

    Ciao Gianluca,
    interessante riflessione pensa che nel mondo dei blog di architettura un blogger deve essere per forza un ‘critico’ serio altrimenti è un cialtrone :-)

    Buon blogging,
    Salvatore D’Agostino

  9. Pubblicato il 30 luglio 2014 alle 4:50 PM | Permalink

    Ciao Gianluca in vacanza! :-)
    Ma quanto mi ricordo bene quando hai aperto il blog? E sembrava ieri, mamma mia.
    Fede me ne parlò e la cosa mi elettrizzò subito (vedi, uso anche io il passato remoto). Era il mio primo anno di lavoro passato a Milano, ero gggiovane! E mi ricordo ancora l’header del tuo blog… dei quadrettini, del verde acqua… e un bimbetto nel carrello della spesa, anche se questo non ricordo se sia venuto subito o dopo un po’ come header.
    Condivido pienamente la tua riflessione sulla gioia del poter avere un proprio spazio per esprimersi, e sulla disillusione che il libero accesso alla rete e a universi di contenuti abbia potuto rendere l’essere umano mediamente più intelligente.
    Goditi l’affascinante deserto valenciano, che dalle tue foto mi sembra a volte il New Mexico! E buon blog compleanno! :-)

  10. Pubblicato il 1 agosto 2014 alle 9:10 AM | Permalink

    Ti ho sempre amato.

  11. Pubblicato il 8 agosto 2014 alle 2:02 PM | Permalink

    Ciao gianluca,

    anche io cominciai nel mondo del blogging nel 2004 circa. Con il tipico blog personale dove, più che altro, descrivevo la mia vita. Era un altro mondo assolutamente: la gente online non era quella che si trova oggi (cioè chiunque). Era una nicchia. E stiamo parlando del 2004 è! Io sono online dal 1998… Le gif animate… Gli script CGI… Le pagine html statiche.,.. :D

  12. Pubblicato il 15 agosto 2014 alle 10:54 AM | Permalink

    Ciao Gianluca, condivido pienamente lo spirito del post e soprattutto quello del blog.
    Hai ragione quando dici: “un blog e’ un viaggio, si fa piu’ per se stessi che per il resto”. Certamente la monetizzazione è una chimera difficile ma credo non impossibile, va da se che il fatto di differenziarsi nel proprio modo di proporre dovrebbe essere di per se un valore aggiunto.
    Saluti e complimenti.