fbpx Scroll to top
  • Marketing e interazioni tra persone e aziende, dal 2004

Il piano marketing (come conviverci e bene, in dieci punti)

Ecco qua la mia personale guida all’uso, che non troverete mai sui manuali di marketing:

1) se lo dettagliate veramente, con azioni, costi, ROI, mission, vision e tutto il pipponaggio, verrà marzo e non avrete avuto ancora il tempo per mettere in pratica qualcosa. ‘Fannulloni!’ Se non lo dettagliate, sarà considerato “generico e inapplicabile!”

2) scrivete alla lavagna 100 volte: Non salverò più con nome quello dell’anno precedente. Alla fine un dettaglio tradisce sempre (le proprietà del documento di Word, per esempio). Piuttosto, scambiatevi i piani marketing con il vostro compagno di università che -beato lui- lavora in un altro settore. “Innovativo, questo piano! Bravo, resp!”

3) se le idee e le azioni del piano marketing provengono dal basso, per esempio dalle persone a contatto con la realtà, nessuno le considererà come obbligatorie, ma solo come consulenza indesiderata. Preparatevi psicologicamente a quando troverete il vostro plan nell’ufficio degli amministrativi, stampato e rilegato, ma girato alla rovescia, usato come blocco per gli appunti.

4) se il piano marketing è dettato dall’alto-alto, l’intera azienda vi odierà e al caffè vi gireranno le spalle. “Questi leccaculi nullafacenti del marketing!”

5) se il piano deve scaturire da un processo-condiviso di successive-approvazioni-e-condivisioni, non ne vedrete mai la fine (ma questo potrebbe essere cosa buona)

5) se è cambiato il management da poco (o sta per cambiare), vorrà uno piano nuovo e diverso; non perdete quindi tempo con il primo (sia il management che il piano)

6) se ve lo chiedono in inglese, preparatevi a tradurlo poi in italiano e viceversa. A volte basta fare le prime 5 e le ultime 5 pagine in inglese. Nessuno legge il resto.

7) se i dati di mercato devono essere realistici, la cosa vi costerà tanto da rendere la faccenda antieconomica e vi accuseranno di sperperare le risorse aziendali. Corrompete il responsabile commerciale con promesse di sopravvalutazione del nuovo venduto e fatelo testimoniare sull’utilità dei dati reali comperati a peso d’oro da consulenti che se li sono a loro volta inventati.

8) se i dati invece ve li inventate, qualcuno ovviamente vi accuserà che ve li siete inventati. Preparate una difesa d’ufficio (un’approvazione apocrifa verbale di un dirigente dimissionario andrà bene)

9) se un anno il titolare si dimentica di chiedervelo, l’anno dopo ve lo chiederà di 200 pagine, cominciate per tempo con i copia e incolla.

10) basare il piano su degli obiettivi misurabili è una favoletta, ma voi mettetela pure, fa bella figura. Poi dopo 10 mesi tutto è cambiato, e spostate il focus al successivo piano marketing. E nel caos autogenerato valuterete i risultati in modo assolutamente soggettivo, basandovi sul famoso indice di blogbrandemphatyness o sul nuovissimo lovebranding ratio.

Ps: ci sono due numeri 5), ma come in un piano marketing, nessuno se ne accorgerebbe.

Puoi leggere anche

10 commenti

  1. Pat

    Fantastico.
    Firmato
    Una che oggi alle 15 ha presentato un piano di webmarketing generico e vuoto sapendo che nessuno lo avrebbe letto. (Perchè il piano di web marketing è ancora meno letto di quello di marketing).

  2. In quanto hai scritto basterebbe cambiare “marketing” in “comunicazione” e si potrebbe applicare a tante situazioni che capitano anche a me :-)

  3. Marco DP

    Finalmente una guida utile e sicura…peccato per quel doppio n° 5…
    Saluti

  4. Da scolpire nel marmo. Ne farei un opuscoletto da distribuire (all’uscita) per gli studenti dell’MBA in Bocconi… A proposito, la mia esimia ex-università mi ha inviato una gentile richiesta per devolvere a suo favore il 5 per mille.. l’avrei trovato ridicolo, se non fosse imbarazzante.

  5. [mini]marketing

    anche a me l’hanno inviato. io pensavo di rispondere chiedendo a loro il 5 per mille delle esose rette che ho pagato…

  6. io gli ho risposto, scrivendo più o meno quello che to ho detto, ma non mi hanno degnato di riposta…

  7. probabilmente ho colto l’1% dei riferimenti ma mi sono divertito molto a leggerlo.
    (facciamo una rubrica di marketing & musica in radio?)

  8. Matteo

    grande :lol: :lol: :lol:

  9. Mauro

    Finalmente ho trovato una guida da seguire. Veramente io ero già uno di quelli che la pensa così: “le cose che si devono fare secondo una regola…non devono essere fatte!”…Ora ne sono più che mai convinto…Naturalmente parlo di cose da fare ala lavoro!!!

  10. Ecco perchè la funzione marketing è inesistente nella maggior parte delle imprese italiane.
    Il piano di marketing è importante.