due pensieri sui soldi (degli altri) e sui bitcoins

20140125-134338.jpg Vignetta di Roberto Grassilli

Non mi interesso molto dei miei soldi, odio fare fatture, tengo pigramente quei due risparmi guardando più alla comodità della gestione via smartphone che al tasso di interesse (comunque irrilevante) e non credo ai rischi “medi” che mi vuole proporre la mia banca, calcolati su algoritmi basati su comportamenti finanziari passati che non possono prevedere il futuro (è scritto anche in piccolo in quelle cose che nessuno legge mai), perché il futuro è deciso da cose imprevedibili, improbabili, e dall’effetto a catena (leggetevi il Cigno Nero, un libro che ha dato fondamento a qualcosa che intuivo a livello personale). Poi ovviamente a ritroso le spieghiamo, a posteriori. Ma quasi sempre sbagliandone le vere cause, per lo più sconosciute.
Questo per dire che viceversa i soldi degli altri mi interessano molto, da un po’ di tempo quelli di Banca Etica mi hanno adottato (e viceversa). Assieme abbiamo fatto Nonconimieisoldi e anche Conimieisoldi (io non volevo questo nome ma da loro comanda la community!). Anche ora ogni tanto mi piace scrivere qualcosa sul loro blog (curato amorevolmente da Claudia Vago). Anche se loro sanno che io ho pericolosi tratti libertari mi vogliono bene lo stesso (ho spiegato le mie motivazioni e credenze finanziarie qui) anche perché penso sia profondamente “liberista” cambiare la finanza attuale, ora.
Ho scritto una recensione che è anche un racconto (perché probabilmente ho trasfigurato il film a mio uso) su quello che è successo nel 2008 — e ri-succederà, se non prendiamo coscienza che siamo noi a finanziare la finanza, e siamo solo noi a poterla cambiare.
Invece in autunno ho scritto un articolo sul rapporto tra Bitcoin, l’ecommerce e il sistema finanziario. Ancora soldi degli altri, perché io mica li ho comprati, sono solo per chi ha soldi da perdere, anche se non è affatto detto che li perderà.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Di (altrui) passioni, parte seconda.

Social brand strategy, nel 2017

La content strategy per l’ecommerce – in sintesi

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

15 thoughts on “due pensieri sui soldi (degli altri) e sui bitcoins”

I commenti sono chiusi.