Quanto vale un fan su Facebook? Una formula in Excel.

La domanda è malposta, ovviamente. Ma a volte la domande nel pubblico sorge spontanea, e allora meglio una risposta parziale che nessuna risposta. Un fan su Facebook, ormai, vale più per il suo carico di informazioni e di relazioni che si porta dietro, che per la sua reach organica: quindi ancora di più, meglio buoni che tanti, sennò inganni te stesso e basta. Ma in ogni caso, quando si va ad acquisire, devi calcolare quanto può essere conveniente “pagare” in adv per ogni singolo fan, (vero e che possa soddisfare quelle previsioni dell’Excel) soprattutto in fase iniziale. È modificabile, ma lasciate in ordine :)

Sfido Enrico Marchetto, che farà un Digital Update sul tema, a migliorare la formula ;-)

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Come possono (soprav)vivere i piccoli e-commerce?

Come capire se l’abbonamento è un buon modello per il vostro ecommerce

Il tramonto del megabrand e il brodo primordiale dei microbrand

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

4 thoughts on “Quanto vale un fan su Facebook? Una formula in Excel.”

  1. Ciao, credo di aver capito la prima parentesi della formula, potresti spiegare la seconda?
    Grazie

  2. Concordo con te che il FAN vale più per il carico di informazioni che per la sua Reach Organica… non so se qualcuno ha modificato i fattori… ma leggo una Reach organica al 20% … e con gli ultimi aggiornamenti a meno che non riesca a viralizzare il post la trovo irraggiungibile attualmente su una FAN Page… Cosa dici?

  3. i numeri sono modificabili, quindi non sono validati, solo il calcolo Alberto
    mattia: è il moltiplicatore di visibilità che l’engagement produce

I commenti sono chiusi.