Photo by Clem Onojeghuo on Unsplash

Comprare un’auto usata, nel 2018

I lettori più anziani di questo blog ricorderanno che era nato con uno spirito veramente ludico e scanzonato, senza dimenticare però – come dicono i biografi e i critici più attenti – di dare un messaggio forte.

Una delle saghe più divertenti, o tristi, a seconda dei casi è stata quella dei concessionari auto. Uno strano ecosistema in cui convivevano e convivono tuttora early adopter e raffinati dinosauri, e in cui spesso non sai a chi rivolgerti per avere attenzione.

Oggi, nel 2018, ho deciso di mappare il panorama della customer experience lato utente, cioè io, alla ricerca – da vero perennial – di acquistare un’auto come si acquistano le cose nel 2018, cioè senza andarci di persona fino all’ultimo.

Ecco il pallogramma, come mi piaceva fare nei vecchi tempi di Minimarketing, e come l’avrebbe fatto McKinsey. Cliccare per ingrandire.

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

Il social media marketing del concessionario auto (e simili), con 30 minuti al giorno

Content Marketing e SEO, con i tool

Se la pubblicità digitale non crea (mass) brand

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

One thought on “Comprare un’auto usata, nel 2018”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *