Il non-marketing dei centri commerciali

Da qualche anno, da quando ho cominciato a fare il consulente indipendente, mi capita di incontrare agenzie e attori che gravitano al centro del centro (commerciale). E già da almeno quattro anni i responsabili marketing dei centri commerciali cercano di capire cosa fare per attrarre persone (o almeno, mantenere quelle che già ci vanno) con tutti i limiti di quello che amministrativamente è un grande condominio (in cui gli inquilini grossi si fanno il marketing da soli, con il volantinaggio soprattutto — Esselunga, Ipercoop, Carrefour, ecc. ecc. e vogliono semplicemente non spendere soldi nel marketing di condominio, e gli inquilini piccoli non hanno soldi da spendere nel marketing e non lo capiscono fino in fondo).

Per questo spesso quando entro in un centro commerciale (non tanto spesso, a dire il vero) capisco il perché di quell’atmosfera marketing così anni ’90, le attrazioni un po’ retro, i cavallini a gettoni, i sorteggi a premi con o senza scontrino, i carrelli con la macchinina per accontentare il bimbo, le ospitate di star televisive un po’ declinanti, derivanti appunto da due fattori endogeni (“facciamo le promozioni che capiscono tutti i condomini + cose che si sono sempre fatte”) e una esogena (l’età e la cultura media di chi va al centro commerciale oggi). E mentre il marketing dei centri commerciali è fermo agli anni 90, con l’aggiunta normalmente di un sito che comunica in sostanza gli orari di apertura — quando va bene — e una pagina Facebook spesso triste, il 90% dei giovani e degli adulti in età da internet semplicemente smanetta con il cellulare in mano indipendentemente da dove sono. In pratica, questi NON sono più al centro commerciale. Non con il 90% della loro attenzione.

Eppure, i numeri che fanno i centri commerciali, a livello di presenze e di persone, fanno impressione. Altro che Twitter o altre cose digitali. Parliamo di quasi due miliardi di visite anno, in Italia. Di cui, però, non sanno quasi nulla: questo è il problema. E non si tratta di capire quanti cetrioli ho comprato all’Esselunga o chiavette USB all’Euronics (questo dovrebbero saperlo Esselunga e Euronics, anche se anche le catene fanno la solita promo tutto-a-tutti). Si tratta di capirne gusti, passioni e interessi. Perché il centro commerciale, o si trasforma in un intrattenimento magico di nuovo, oppure muore.

L’acquisto come atto puro di spostamento di una merce sarà un territorio minato: perché l’acquisto di per sé avviene sempre prima (sul monitor, sulla app, nella notifica, la mail ecc.) e perché la consegna è sempre più diffusa. Perché dovrei perdere tempo a sfacchinare un carrello in giro quando Amazon me lo consegna gratis? E se devo ritirare io il prodotto, lo ritiro magari in un magazzino (magari a lato del centro commerciale) che sia comodo per mettere le cose nel bagagliaio, senza nemmeno parcheggiare, o vicino alla metro (sì, sta accadendo, a Londra). E dopo averlo trovato, il prodotto, lo vado a cercare (di nuovo?) al centro commerciale con il rischio di non trovarlo? Mh, forse no. Rimane a loro la carta intrattenimento, infatti, da giocare. Mai sottovalutare la noia nella gente. Un posto caldo e luccicante e vedi come arrivano. Ma questo vale per sempre meno persone. Ci sono tante cose da fare, online, tanti negozi da “vedere”, tante persone con cui chattare, tanti giochi da fare assieme alla Playstation.

In generale, il rischio che l’intrattenimento online cannibalizzi quello offline — e soprattutto quello meno di pregio come il tempo al centro commerciale — è un rischio comunque peggiore della cannibalizzazione ecommerce vs centro commerciale. Finché sarò obbligato a comprare la spesa alimentare in loco, il centro commerciale non corre grandi rischi. Ma anche in questo le cose cambiano velocemente: ci sono servizi che fanno la spesa per te, usando manodopera a basso costo come Instacart negli USA, ma anche servizi artigianali come i tizi che ti fanno la spesa al mercato coperto ortofrutticolo e te la portano a casa in bici, a Modena.

Non è un caso che negli States molti centri stiano morendo. Il centro è un ecosistema quasi vivente, il processo a catena chiusura di un negozio perno —> perdita di interesse —> chiusura del centro è difficilmente reversibile. In Italia non ci siamo arrivati, perché non ci siamo spinti così avanti come dimensioni e quantità, ma mai dire mai.

La soluzione dell’enigma potrebbe essere far lavorare offline e online assieme, capendo bene come usare il mobile prima, durante e dopo — momenti molto diversi. Cercare di creare attrazione attraverso le informazioni che le persone lasciano online, se motivate a farlo. Aprire a nuove forme di intrattenimento meno top-down, di nicchia: ospitare un coworking, un coderdojo, uno swap party, le idee non mancano. Durante un convegno a cui sono stato invitato ho presentato questi e altri spunti.


Centri Commerciali e internet, odio o amore? – Created with Haiku Deck, presentation software that inspires

Vuoi i nuovi post ogni venerdì alle 9?

Altro sull’argomento

C’erano un centro media, un digital marketer e un cliente al bar

Ecommerce manager, dovresti capire dove vive il cliente, offline – un libro da leggere

20 cose di marketing di Londra

Pubblicato da

Gianluca Diegoli

Nato davanti alla TV ma con un'esperienza ventennale di management su digital marketing, ecommerce e comunicazione online per le maggiori aziende italiane. Ho creato il progetto di formazione Digital Update con Alessandra Farabegoli e insegno digital marketing all'Università IULM di Milano. Ho scritto Mobile Marketing per Hoepli, Vendere Online per Sole 24 Ore, Social Commerce per Apogeo, e 91 Discutibili Tesi per me stesso.

8 thoughts on “Il non-marketing dei centri commerciali”

  1. Intrigante il nuovo mktg che supera e va oltre i cetrioli comprati all’Esselunga… Se i mercati sono sempre conversazioni – alla Locke – il tuo articolo è la morte dei centri commercialos ma anche di Porta-a-Porta.. I co-working potrebbero essere una delle risposte..

  2. Ciao Ginaluca, interessantissimo questo pezzo.

    Ti volevo segnalare il servizio che fa Esselunga per ordinare la spesa online e fartela portare a casa quando vuoi tu… mia suocera, finchè abitava fuori centro, ne ha fatto largo uso e consumo e conosco molti altri che, troppo impegnati, ordinano online. Magari ancora non è così diffuso ma funziona e anche bene (http://www.esselungaacasa.it/ecommerce/)

    Per quanto riguarda le attività da fare in un centro commerciale per rivitalizzarlo, forse per l’italiano medio un coworking, un coderdojo, uno swap party mi sembrano forse un po’ troppo avanti (non dimentichiamoci che gran parte di quelli che coe dici tu, sono attratti dalle lucine, è già tanto se chattano con facebook sul cellulare).

    Magari meglio cominciare gradualmente, cercando di integrare l’online con l’offline. In fondo parliamo di attività local e le idee per promuoversi a livello locale non dovrebbero essere così difficili da trovare.

  3. Complimenti per il pezzo, anche se devo dire la verità, il fatto che i centri commerciali non riescano a fare del buon marketing e comunicazione non mi dispiace affatto.
    Stanno uccidendo tutte le botteghe e negozi di paese e con essi anche il folklore che portano con sè.

  4. Che spettacolo di biblioteca Giuseppe, grazie per avere condiviso il link.
    Quanto all’articolo è condivisibile quello che scrive Gianluca, ci sono alcuni settori in Italia (e i centri commerciali ne sono un esempio) che non riescono proprio ad uscire dalle logiche degli anni novanta. La galleria commerciale che potrebbe avere un potenziale elevato, ma la logica è sempre quella del singolo imprenditore e non del network.
    Le uniche attività che sono in grado di ideare riguarda solo gli spazi comuni, mente l’experience del punto vendita non esiste…

  5. Ottimo articolo.non avevo mai pensato a questo aspetto dei centri commerciali. Devo dire che da quando gli ecommerce si stanno diffondendo i centri commerciali stanno perdendp appeal. Il cambiamentp è partito. Nei giovani icentri commerciali non attirano piu tanto x fare acquisti ma come punti di aggregazione.

I commenti sono chiusi.